Partecipate: slitta al 17 febbraio 2018 la chiusura della rilevazione delle partecipazioni e dei rappresentanti delle P.A. per l’anno 2016

Partecipate: slitta al 17 febbraio 2018 la chiusura della rilevazione delle partecipazioni e dei rappresentanti delle P.A. per l’anno 2016

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro, con l’Avviso pubblicato sul proprio sito istituzionale il 1° febbraio 2018, ha annunciato la proroga al 17 febbraio 2018 del termine per la rilevazione delle partecipazioni e dei rappresentanti delle Amministrazioni pubbliche di cui all’art. 17, commi 3 e 4, Dl. n. 90/14.

La scadenza, precedentemente fissata al 31 gennaio 2018, è stata differita a seguito di una serie di richieste di assistenza e alle segnalazioni pervenute al Dipartimento del Tesoro che riguardano l’inserimento, da parte di numerose P.A., di quote di partecipazione errate “che hanno generato incoerenze e impedito l’inserimento dei dati ad altri utenti”.

Come evidenziato nella Nota del Tesoro, “la comunicazione dell’esito della ‘revisione straordinaria’ ai sensi dell’art. 24 del Dlgs. n. 175/16 attraverso l’applicativo ‘Partecipazioni’ non sostituisce la rilevazione delle partecipazioni e dei rappresentanti per l’anno 2016”.

Grazie al Protocollo d’intesa sottoscritto dal Ministro dell’Economia e dal Presidente della Corte dei conti, la comunicazione dei dati attraverso l’applicativo Partecipazioni del “Portale Tesoro” consente di assolvere contestualmente agli obblighi informativi nei confronti della Corte per le Amministrazioni che erano tenute all’invio delle informazioni sugli Organismi partecipati tramite “Siquel”.


Related Articles

Spesa di personale: rispetto del principio di invarianza della spesa negli Enti di nuova istituzione

Nella Delibera n. 24 del 1° marzo 2018 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere riguardante l’istituzione

Appalti: la formula errata di calcolo dell’offerta economica non può essere modificata dalla Commissione

Quando il bando preveda una formula di calcolo del punteggio per l’offerta economica errata, l’Amministrazione non può che procedere a

Servizi pubblici locali: presupposti per la riconoscibilità del debito di un’Associazione destinataria di contributi comunali

Nella Delibera n. 26 del 22 gennaio 2016 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede se il debito tributario