Patto di stabilità: emanato il Decreto sulla riduzione degli obiettivi per i Comuni maggiormente impegnati sul fronte immigrazione

Patto di stabilità: emanato il Decreto sulla riduzione degli obiettivi per i Comuni maggiormente impegnati sul fronte immigrazione

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 282 del 4 dicembre 2014 il Dm. Interno 1˚ dicembre 2014, recante “Determinazione per alcuni Comuni della Sicilia interessati da flussi migratori degli importi delle spese escluse dal computo dello specifico obiettivo di saldo finanziario, ai fini del Patto di stabilità interno, per l’anno 2014”.

Il Dm. definisce la riduzione degli obiettivi del Patto per un importo forfettario complessivo di 13.833.967 Euro relativa ai 13 Comuni siciliani giudicati “maggiormente interessati da flussi migratori”: Agrigento, Augusta, Caltanissetta, Catania, Lampedusa, Mineo, Palermo, Porto Empedocle, Pozzallo, Ragusa, Siculiana, Siracusa e Trapani.

Il Dm. è stato emanato in applicazione di quanto disposto dall’art. 7 del Dl. n. 119/14, convertito con modificazioni in Legge n. 146/14 (c.d. Dl. Stadi”).

Il dato relativo alle riduzioni di spese poste a carico di ciascun Comune è indicato nell’Elenco allegato (dec37-14) al Decreto in commento.


Tags assigned to this article:
immigrazioneobiettivipatto

Related Articles

Bilancio Enti Locali: dove rilevare una somma incassata come “escussione fideiussione” a seguito di mancato pagamento di canoni concessori?

Il quesito: “Il ns. Comune deve incassare una somma da una Banca come ‘escussione fideiussione’. A monte il contratto con

Affidamenti “in house”: rinviato al 30 novembre 2017 il termine per la domanda di iscrizione all’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e degli Enti aggiudicatori

Con il Comunicato del Presidente datato 25 ottobre 2017 ed avente ad oggetto “Precisazioni sull’attivazione dell’Elenco delle Amministrazioni aggiudicatrici e

Documenti informatici fiscalmente rilevanti: indicazioni dell’Agenzia delle Entrate su tenuta e conservazione e su Imposta di bollo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 236 del 9 aprile 2021, ha fornito chiarimenti in ordine alla tenuta e