Patto di stabilità: rideterminati gli obiettivi in attuazione della “clausola di salvaguardia”

La Ragioneria generale dello Stato ha pubblicato – il 10 febbraio 2014 – sul proprio sito internet il testo del Dm. Mef 10 febbraio 2014, n. 11390, concernente la rideterminazione degli obiettivi programmatici del Patto di stabilità interno 2014 per i Comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, in attuazione dell’art. 31, comma 2-quinquies, della Legge n. 183/11.

La norma citata dispone una “clausola di salvaguardia” secondo cui nessun Comune dovrà registrare un peggioramento dell’obiettivo di saldo finanziario 2014, calcolato sulla spesa corrente media 2009-2011, superiore al 15% rispetto all’obiettivo di saldo finanziario 2014 calcolato sulla spesa corrente media 2007-2009 con le modalità previste dalla normativa previgente.

Gli obiettivi del Patto di stabilità interno dei Comuni, rideterminati in attuazione del comma 2-quinquies, sono indicati nell’ultima colonna di cui alla Tabella allegata al Decreto in commento, che ne costituisce parte integrante, e trovano evidenza nel Prospetto degli obiettivi, di cui all’art. 31, comma 19, della Legge n. 183/11, con cui è individuato il saldo obiettivo definitivo 2014. Oltre alla citata Tabella, a corredo del Decreto è allegata una Nota esplicativa che illustra le modalità attraverso cui si è proceduto alla rideterminazione degli obiettivi, nella quale è chiarito che per gli Enti sperimentatori si è proceduto ad applicare la riduzione prevista all’art. 31, comma 4-ter, applicando la percentuale del 14,8% alla spesa corrente media 2007-2009 dei Comuni non sperimentatori, a cui si aggiunge la quota dell’importo di Euro 120 milioni di cui all’art. 31, comma 4-quater, spettante ai Comuni, mentre per gli Enti non sperimentatori la percentuale applicata alla stessa base è pari al 15,8%.

I saldi obiettivo del Patto di stabilità così determinati, incrementati del 15%, rappresentano il valore limite di salvaguardia che l’obiettivo calcolato sulla base della spesa corrente media 2009-2011 non potrà superare.

Gli obiettivi calcolati con la nuova base che sono risultati superiori a quelli di salvaguardia sono stati riportati entro il limite del 15% predetto, mentre quelli inferiori sono stati rideterminati proporzionalmente all’obiettivo stesso, al fine di redistribuire gli spazi finanziari da compensare a fronte dell’applicazione della “clausola di salvaguardia”.

Il saldo obiettivo del Patto di stabilità, rideterminato a seguito della applicazione della “clausola di salvaguardia”, trova evidenza nella fase denominata “clausola di salvaguardia” del Prospetto OB/14/C relativo agli obiettivi programmatici dei Comuni con popolazione superiore a 1.000 abitanti, disponibile sul sistema web appositamente previsto per il Patto di stabilità nel sito http://pattostabilitainterno.tesoro.it.


Tags assigned to this article:
obiettivipatto

Related Articles

Bilancio: il punto della Corte sulla possibilità per un Comune di erogare contributi per la ristrutturazione di beni della Parrocchia

Nella Delibera n. 262 del 17 ottobre scorso della Corte dei conti Lombardia un Sindaco chiede di conoscere se sia

Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 28 febbraio 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 23 novembre 2017, ha espresso parere favorevole alla

Mutui Enti Locali: Determinazione del costo globale annuo massimo

E’ stato pubblicato in G.U. n. 1/18 il Decreto 22 dicembre 2017 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, concernente “Determinazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.