Peculato: per la Cassazione non integra il reato la dipendente che usa il telefono in un arco temporale assai ristretto

Peculato: per la Cassazione non integra il reato la dipendente che usa il telefono in un arco temporale assai ristretto

Nella Sentenza n. 11378 del 13 marzo 2018 della Corte di Cassazione, alla dipendente di una Società che aveva in concessione lo svolgimento dei “Servizi cimiteriali” di un Comune era stato contestato il reato di peculato d’uso continuato in relazione a plurime telefonate effettuate con l’utenza assegnata alla Società. Il Gup, ritenendo tali telefonate limitate nel tempo e di durata non estesa, ha reputato l’offesa al bene giuridico protetto di particolare tenuità ed ha conseguentemente dichiarato non luogo a procedere per la non punibilità dell’imputata ex art. 131-bis del Cp.. Ma secondo la Pubblica accusa anche il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Iva: aliquota ordinaria per le opere non eseguite interamente dall’artista, in quanto non qualificabili come “oggetti d’arte”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 303 del 2 settembre 2020, ha fornito istruzioni circa l’applicabilità

Ici: esente l’area edificabile destinata a ospitare un Polo ospedaliero e universitario

Nella Sentenza n. 9791 del 19 aprile 2017 della Corte di Cassazione, una Università ha proposto ricorso avverso l’avviso di

Scavalco di eccedenza: è possibile negare l’autorizzazione al dipendente ?

Testo del quesito “Un Comune ha chiesto l’autorizzazione per utilizzare un nostro dipendente a svolgere attività lavorativa presso altro ente