Peculato: per la Cassazione non integra il reato la dipendente che usa il telefono in un arco temporale assai ristretto

Peculato: per la Cassazione non integra il reato la dipendente che usa il telefono in un arco temporale assai ristretto

Nella Sentenza n. 11378 del 13 marzo 2018 della Corte di Cassazione, alla dipendente di una Società che aveva in concessione lo svolgimento dei “Servizi cimiteriali” di un Comune era stato contestato il reato di peculato d’uso continuato in relazione a plurime telefonate effettuate con l’utenza assegnata alla Società. Il Gup, ritenendo tali telefonate limitate nel tempo e di durata non estesa, ha reputato l’offesa al bene giuridico protetto di particolare tenuità ed ha conseguentemente dichiarato non luogo a procedere per la non punibilità dell’imputata ex art. 131-bis del Cp.. Ma secondo la Pubblica accusa anche il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Notifiche procedure giudiziarie: la Cassazione nega la validità di quelle effettuate tramite servizio di poste private

Nella Sentenza n. 7156 del 12 aprile 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che, in tema di notifiche

P.A. aggiudicatrice può agire per se stessa e per altre P.A. non direttamente parti di un accordo quadro

Sui requisiti che devono sussistere nel caso in cui un’amministrazione aggiudicatrice agisca per essa stessa e per altre amministrazioni aggiudicatrici

Ambiente: Realacci, “nella scommessa ambientale una chiave per combattere la crisi”

All’intervento del Sindaco di Cagliari Massimo Zedda ha fatto da “contraltare” – durante l’incontro “I Sindaci d’Italia nell’aula di Montecitorio.