Permesso di soggiorno elettronico: via libera del Garante della Privacy

Permesso di soggiorno elettronico: via libera del Garante della Privacy

Via libera del Garante al permesso di soggiorno elettronico (Pse). Infatti, l’Autorità ha licenziato positivamente 3 schemi di Decreti del Ministero dell’Interno che riguardano le prescrizioni tecniche relative alle procedure e ai processi di produzione per l’emissione e il controllo del permesso di soggiorno (doc. web. n. 3816200), alle infrastrutture di sicurezza (doc. web. n. 3858699) ed alle modalità di acquisizione e di verifica degli elementi biometrici primari (immagini del volto) e secondari (impronte digitali).

Il Pse, rilasciato allo straniero dall’Ufficio Immigrazione della Questura, è costituito da una smart card su cui sono riprodotti i dati

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Servizi pubblici: la giurisdizione sulla controversia su una clausola penale tra Comune e Società affidataria è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 114 del 12 gennaio 2015 del Tar Campania, i Giudici affermano che il rapporto intercorrente tra una

“Covid-19”: necessaria la “Certificazione verde” per chi rientra dall’estero

Sulla G.U. n.145 del 19 giugno 2021 è stata pubblicata una nuova Ordinanza del Ministero della Salute, recante “Ulteriori misure

Tarsu/Tia: irregolarità nel Servizio di “Raccolta e smaltimento rifiuti”

Nell’Ordinanza n. 14541 del 13 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici hanno osservato che l’art. 7, comma 2,