“Piani triennali di prevenzione della corruzione”: verso il lancio della Piattaforma Anac per il monitoraggio e il controllo

“Piani triennali di prevenzione della corruzione”: verso il lancio della Piattaforma Anac per il monitoraggio e il controllo

Si è svolta il 9 maggio 2019 presso Banca d’Italia la 5° Giornata nazionale di incontro con i “Responsabili della prevenzione della corruzione e trasparenza” (“Rpct”), alla presenza del Presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, durante la quale è stata presentata la nuova Piattaforma digitale dell’Autorità, realizzata in collaborazione con l’Università Tor Vergata di Roma e con l’Università della Campania, con la quale verranno acquisiti e monitorati i vari “Piani triennali di prevenzione della corruzione” (“Ptpc”).

Come ricordato dal Presidente Cantone, la figura del “Rpct”, istituita con la Legge n. 190 del 6 novembre 2012, c.d. “Legge Severino”, rappresenta il perno centrale di un Sistema di monitoraggio e prevenzione di atti di corruzione e illeciti, e alla quale spettano diverse funzioni:

– predisporre il “Piano triennale di prevenzione della corruzione” dell’Ente in cui lavora, ne verifica l’attuazione e segnala le eventuali disfunzioni;

– indicare agli Uffici deputati all’esercizio dell’azione disciplinare i nominativi dei dipendenti che non hanno attuato correttamente le misure previste dal “Piano”;

– vigilare sul rispetto delle disposizioni sulle inconferibilità e incompatibilità degli incarichi, con capacità proprie di intervento, anche sanzionatorio, e segnala le violazioni all’Anac;

– verificare la rotazione degli incarichi all’interno degli Uffici, in particolare quelli maggiormente esposti ai rischi di corruzione;

– controllare l’adempimento degli obblighi di trasparenza e pubblicazione, segnalando i casi di mancato o ritardato adempimento all’organo di indirizzo politico, all’Oiv e all’Anac;

– riesaminare i casi di diniego totale, parziale o di mancata risposta alle richieste di accesso civico e decidere, con provvedimento motivato, entro venti giorni;

– curare la diffusione della conoscenza dei Codici di comportamento all’interno nell’Amministrazione, il monitoraggio annuale della loro attuazione, la pubblicazione sul sito istituzionale e la comunicazione all’Anac dei risultati del monitoraggio;

Dal 2015, l’Autorità svolge test e monitoraggi a campione sull’attuazione dei “Piani triennali di prevenzione della corruzione” e, dopo 2 anni di lavoro e confronto con i “Rpct” di numerose P.A., è stato realizzato un Sistema informatizzato a sostegno dell’opera dei Responsabili stessi che consentirà di caricare i “Piani triennali” di ciascuna Pubblica Amministrazione e i loro relativi aggiornamenti annuali.

La Piattaforma consentirà quindi di avere una banca-dati aggiornata e sistematica di ogni “Rpct” così da consentire all’Anac di superare le criticità del controllo a campione, effettuando analisi qualitative sui “Piani” stessi, oltre che di verifica degli adempimenti in attuazione del “Piano” e consentendo agli operatori di affrontare eventuali criticità nel Sistema di loro predisposizione, acquisizione e attuazione.

La Piattaforma si comporrà di 3 Sezioni:

– Anagrafica;

– Sezione “Ptpt”;

– Sezione “Monitoraggio”.


Related Articles

Recupero Tarsu: nulla l’ingiunzione fiscale sottoscritta solo dall’Avvocato incaricato dal Comune

Nella Sentenza n. 418 del 9 marzo 2017 della Ctp di Firenze,la questione controversa riguarda due ingiunzioni fiscali per il

Spesa del personale: incremento orario di un part time incide sulla capacità assunzionale dell’Ente

Nella Delibera n. 159 dell’11 dicembre 2017 della Corte dei conti Puglia un Sindaco, richiamando l’art. 3, comma 5, del

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.