Piano di edilizia scolastica: Cdp mette a disposizione fondi per oltre 1,5 miliardi

Piano di edilizia scolastica: Cdp mette a disposizione fondi per oltre 1,5 miliardi

Con un Comunicato del 29 luglio 2019, la Cassa Depositi e prestiti (Cdp) ha reso noto che sono stati sottoscritti accordi che mettono a disposizione importanti risorse per l’edilizia scolastica: Euro 1.555 milioni in tutto stanziati dalla Banca europea per gli investimenti (Bei, per la quota di Euro 1.255 milioni), dalla Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa (Ceb, Euro 300 milioni).

Detti fondi saranno utilizzati dalla Cassa Depositi e Prestiti a beneficio degli Enti proprietari degli edifici scolastici.

I finanziamenti sono destinati a interventi di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento alle norme antisismiche, efficientamento energetico e nuova costruzione di edifici scolastici. Le risorse saranno erogate da Cdp a Comuni, Province e Città Metropolitane tramite la concessione di mutui alle Regioni, sulla base di graduatorie di priorità predisposte da queste ultime e rientranti nella programmazione nazionale triennale 2018-2020 per l’edilizia scolastica del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che coordina il piano e monitorerà l’utilizzo dei fondi. Gli oneri di ammortamento saranno a carico dello Stato e, grazie a specifiche modalità di erogazione, i beneficiari finali potranno utilizzare le risorse senza impatto sul proprio patto di stabilità interno.

Attraverso gli stanziamenti erogati oggi e negli anni scorsi dalle istituzioni finanziarie europee e internazionali, sarà possibile realizzare interventi su oltre 9.000 edifici scolastici.


Related Articles

Assenza del cronoprogramma previsto dal bando: legittima l’esclusione dall’appalto

Nella Sentenza n. 1020 del 20 febbraio 2017 del Tar Campania, la ricorrente impugna il provvedimento di esclusione adottato dalla

Prezzi benchmark Consip: punto di riferimento per acquisti di beni e servizi da parte delle P.A.

L’art. 10, comma 3, del Dl. n. 66/14, convertito con Legge n. 89/14, aveva previsto che il Ministro dell’Economia e delle

Anticipazione del prezzo: possibile anche per gli appalti sotto soglia

Nella Delibera n. 1050 del 14 novembre 2018 dell’Anac, viene chiesto un parere sulla sussistenza dell’obbligo per le stazioni appaltanti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.