Piano regolatore: non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore che non si astengono in sede di approvazione

Piano regolatore: non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore che non si astengono in sede di approvazione

Non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore all’Urbanistica che non si astengono in sede di approvazione del Piano regolatore generale.

E’ quanto ha stabilito la Sesta Sezione penale della Corte di Cassazione con la Sentenza 25 marzo 2015, n. 12642.

Infatti, secondo la Suprema Corte, l’approvazione del Piano regolatore generale è l’atto finale di un procedimento complesso in cui sono valutati e considerati molti interessi pubblici e individuali e il voto espresso dai Consiglieri comunali non riguarda la destinazione di una singola area e l’individuazione di una specifica prescrizione, ma l’intero assetto del territorio comunale.


Related Articles

Canone Rai: fissati i criteri di determinazione degli importi dovuti nel 2017

Con la Circolare n. 45/E del 30 dicembre 2017, l’Agenzia delle Entrate ha illustrato le regole per determinare il canone

Imu: aree destinate ad attività estrattiva

Nella Sentenza n. 2656 del 20 maggio 2021 della Ctr Lazio, i Giudici affermano che le aree destinate ad attività estrattiva

Omessa dichiarazione oneri di sicurezza: comporta l’esclusione anche ove non espressamente indicato negli atti di gara

Nella Sentenza n. 2358 del 3 maggio 2017 del Tar Napoli, un Comune indiceva la gara per l’affidamento del “Servizio