Piano regolatore: non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore che non si astengono in sede di approvazione

Piano regolatore: non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore che non si astengono in sede di approvazione

Non commettono abuso d’ufficio il Sindaco e l’Assessore all’Urbanistica che non si astengono in sede di approvazione del Piano regolatore generale.

E’ quanto ha stabilito la Sesta Sezione penale della Corte di Cassazione con la Sentenza 25 marzo 2015, n. 12642.

Infatti, secondo la Suprema Corte, l’approvazione del Piano regolatore generale è l’atto finale di un procedimento complesso in cui sono valutati e considerati molti interessi pubblici e individuali e il voto espresso dai Consiglieri comunali non riguarda la destinazione di una singola area e l’individuazione di una specifica prescrizione, ma l’intero assetto del territorio comunale.


Related Articles

Fondi Ue: i primi progetti del “Piano Juncker” partono in Italia

  Con un Comunicato pubblicato sul proprio sito il 16 luglio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato

Società a partecipazione pubblica: a 3 anni dalla pubblicazione del Tusp, arrivano le bozze dei Decreti attuativi su compensi e requisiti

A distanza di quasi 3 anni dall’entrata in vigore del Dlgs. n. 175/2016 (“Testo unico in materia di Società a