“Piano triennale per l’informatica nella P.A. 2020-2022”: consultabili online i risultati della prima fase di monitoraggio

“Piano triennale per l’informatica nella P.A. 2020-2022”: consultabili online i risultati della prima fase di monitoraggio

Tra le innovazioni introdotte nel “Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione 2020-2022 vi è un Sistema di monitoraggio dei singoli obiettivi attraverso l’individuazione di risultati attesi e target periodici da raggiungere che coinvolge tutti gli attori del processo di trasformazione digitale della P.A.

Il monitoraggio del “Piano triennale” prevede:

  1. la misurazione dei risultati da conseguire complessivamente a livello di Sistema P.A. per la realizzazione degli obiettivi fissati;
  2. la verifica dell’attuazione delle linee d’azione da parte delle diverse Amministrazioni;
  3. la prosecuzione dell’analisi della spesa e degli Investimenti pubblici in Ict di P.A. centrali e locali.

I dati raccolti durante la prima fase del percorso di monitoraggio mostrano che i target quantitativi fissati per il 2020 sono stati in gran parte raggiunti.

Questi risultati contribuiscono al consolidamento del Sistema di indicatori e target che accompagnerà la prossima release del “Piano triennale”.

Di seguito si sintetizzano i risultati emersi dalle differenti componenti del “Piano triennale”:

target 2020 pienamente raggiunti (a un livello almeno pari al 90%) per le componenti di Interoperabilità, Sicurezza informatica e Governance;

target 2020 quasi raggiunti (a un livello compreso tra 80% e 89%) per le Piattaforme e i Servizi;

target 2020 parzialmente raggiunti (a un livello almeno pari al 60%) per i Dati e le Infrastrutture.

L’attività di monitoraggio ha come obiettivo quello di favorire il coordinamento tra i vari livelli della P.A. fornendo elementi utili per la pianificazione operativa delle attività. I risultati del Monitoraggio sono consultabili sul sito dedicato.


Related Articles

Assunzione Vigili urbani: applicabilità ricorso a “resti assunzionali” anno 2013

Nella Delibera n. 129 del 21 giugno 2016 della Corte dei conti Puglia, l’oggetto del quesito verte sull’ampiezza applicativa del

Omissione versamento somme da parte del sostituto che ha operato ritenute d’acconto: il sostituito non è tenuto in solido in sede di riscossione

Nella Sentenza n. 10378 del 12 aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati a decidere

Riscossione: ambito applicativo del divieto di abuso del diritto

Nella Sentenza n. 6718 del 2 aprile 2015, della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che il divieto di abuso

1 commento

Scrivi un commento

Only registered users can comment.