“Piano triennale prevenzione corruzione e trasparenza” 2022-2024: prorogata al 30 aprile 2022 la scadenza per l’approvazione

“Piano triennale prevenzione corruzione e trasparenza” 2022-2024: prorogata al 30 aprile 2022 la scadenza per l’approvazione

Con una Nota pubblicata il 14 gennaio 2022 sul proprio sito istituzionale, l’Anac ha reso nota la proroga al 30 aprile 2022l del termine ultimo per la presentazione del “Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2022-2024” da parte delle Pubbliche Amministrazioni, inserito all’interno del Piao.

Lo slittamento è stato stabilito alla luce dei ritardi collegati al riacutizzarsi dell’emergenza sanitaria in atto.

L’Autorità ha ricordato che questo adempimento interessa tutti gli enti che sono soggetti ad adottare misure di prevenzione, compresi quelli non obbligati all’adozione del Piao.

Il presidio di fatti corruttivi o ipotesi di disfunzioni amministrative significative – si legge – rilevati nel monitoraggio svolto sull’attuazione della precedente pianificazione, continuerà ad essere garantito dalle misure già adottate. In ogni caso, ciascuna Amministrazione potrà anticipare l’adozione di specifiche misure, laddove, anche sulla base del monitoraggio effettuato, dovesse ritenerlo necessario ai fini dell’efficacia dell’azione di legalità”.


Related Articles

Requisiti di capacità tecnico-organizzativa: il requisito dell’identità dei servizi deve rispondere ad un precipuo interesse pubblico

Nella Delibera n. 1046 del 13 novembre 2019 dell’Anac, una Società ha contestato la legittimità dei requisiti di capacità economico-finanziaria

Condanna Amministratori e Dirigenti comunali per aver ottenuto il rimborso spese per pasti, classificate “di rappresentanza”

Corte dei conti -Sezione Seconda giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 756 del 27 dicembre 2018 Oggetto: Condanna di Amministratori

Riscossione: termine prescrizionale per la riscossione delle sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie

Nell’Ordinanza n. 20955 del 1° ottobre 2020, la Suprema Corte osserva che l’art. 20, comma 3, del Dlgs. n. 472/1997,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.