“Piattaforma certificazione crediti”: l’accesso alle funzioni del Sistema sarà consentito anche tramite “web service”

“Piattaforma certificazione crediti”: l’accesso alle funzioni del Sistema sarà consentito anche tramite “web service”

 

Con una Nota diffusa il 9 giugno 2015 sul Portale “Piattaforma per la certificazione dei crediti” (“Pcc”), il Ministero dell’Economia – Ragioneria generale dello Stato, ha reso noto che nel corso del secondo semestre dell’anno corrente sarà data la possibilità alle Amministrazioni pubbliche di accedere alle funzioni del Sistema “Pcc” anche attraverso l’utilizzo di “web service” appositamente realizzati.

Si tratta di una novità molto rilevante dal punto di vista operativo. Ci sarà infatti la possibilità di “mandare in pensione” i Modelli “003” mediante la messa a disposizione di “web services”, ovvero servizi web che permetteranno lo scambio dati automatico tra l’applicativo del Comune di contabilità e la “Pcc”. Nell’attesa che le nuove funzionalità siano messe a disposizione, gli Enti possono iniziare a predisporre nuove funzionalità per i propri applicativi basandosi sui contenuti delle “Guide tecniche” già pubblicate nella Sezione “Raccolta guide” del Portale e per la gran parte complete.

Si precisa infine che, anche per gli Enti diversi da coloro che utilizzano il “Sicoge”, sarà possibile scambiare dati automaticamente con la “Pcc”. Riaffermando il principio che il dato si inserisce una sola volta, saranno poi gli applicativi a gestirlo per le diverse finalità previste dalla norma.


Related Articles

Servizi elettorali: pubblicata la Circolare per gli adempimenti relativi alla propaganda elettorale per le Elezioni amministrative e referendarie

Come si apprende da una Notizia pubblicata il 22 aprile 2022 sul sito del Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli

Pil italiano: l’Istat stima un aumento pari all’1,1 % per il 2016

Aumento del Pil dell’1,1% in termini reali, ripresa degli investimenti (+2,7%) e miglioramenti sul fronte occupazionale (+0,8%): sono le stime

Appalti: discrezionalità della stazione appaltante rispetto alla gravità del reato

Nella Sentenza n. 5679 del 18 novembre 2014 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla discrezionalità della stazione