“Piattaforma di certificazione dei crediti”: istruzioni per l’uso

“Piattaforma di certificazione dei crediti”: istruzioni per l’uso

In un quadro normativo non ancora ben definito e salvo proroghe dell’ultimo minuto, quello che è chiaro è che l’Ente pubblico dovrà garantire il corretto e costante aggiornamento della “Piattaforma di certificazione dei crediti” con i dati contenuti nei propri processi contabili.

Per la corretta tenuta della “Piattaforma” occorre in primis definire l’ambito soggettivo e oggettivo definito dal Dl. n. 35/2013. Se quello soggettivo è evidente a tutti (gli Enti indicati dall’art. 1, comma 2, Dlgs. n. 196/2009), meno è quello oggettivo, che nella prassi si è ridotto alle sole fatture transitate da “Sdi” (“Sistema di interscambio”) e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Digitalizzazione P.A.: esiste un modello procedurale per garantire la Privacy e al contempo la rilevanza giuridica di un documento da pubblicare ai fini della Trasparenza ?

Testo del quesito: “In ambito di pubblicazione delle dichiarazioni sostitutive dei dirigenti, alcune sono native digitali e firmate digitalmente. Ai

Trasferimenti: via libera del Viminale a prima tranche di finanziamenti per cura infanzia e anziani non autosufficienti

Con una Nota pubblicata nei giorni scorsi sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno ha annunciato di aver approvato la

Ici: Scuole paritarie, l’agevolazione spetta solo se l’attività è svolta con modalità non commerciale

Nella Sentenza n. 13968 dell’8 luglio 2016 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione di un avviso di accertamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.