Piccoli Comuni: presentato il Progetto relativo ai Piani di intervento per le Competenze, la Capacità organizzativa e l’Innovazione locale

Piccoli Comuni: presentato il Progetto relativo ai Piani di intervento per le Competenze, la Capacità organizzativa e l’Innovazione locale

Il 21 ottobre 2021, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, è stato presentato, dal Ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, e dal Presidente dell’Anci e Sindaco di Bari, Antonio Decaro, il Progetto “Piccoli” (“Piani di intervento per le Competenze, la Capacità organizzativa e l’Innovazione locale)”.

L’iniziativa, realizzata nell’ambito del “Pon Governance e capacità istituzionale 2014-2020”, rappresenta uno degli strumenti della Politica di coesione finanziati dall’Unione Europea attraverso i fondi strutturali e di investimento europei.

Questo Intervento fa parte di un ampio ventaglio di iniziative del Governo e in particolare del Dipartimento della Funzione pubblica – ha sottolineato il Ministro Renato Brunetta – a supporto dei Comuni, i più penalizzati in questi anni dal blocco del turnover e dalla contrazione della spesa per Investimenti sul capitale umano. Ora l’inversione di marcia è netta, grazie al Progetto ‘Piccoli’, agli altri realizzati grazie ai fondi strutturali e soprattutto a quelli previsti dal ‘Piano nazionale di ripresa e resilienza’ e in gran parte già tradotti in norme, con le semplificazioni, le nuove e rapide modalità di reclutamento per il personale ‘Pnrr’, i percorsi di carriera più fluidi, il rafforzamento della formazione. Un altro importante pacchetto di misure per gli Enti locali troverà spazio nella legge di bilancio. Siamo davanti a un enorme investimento sulle competenze e sulle tecnologie per sostenere il cambiamento organizzativo necessario alla transizione digitale e per assicurare ai Comuni personale e strumenti adeguati. Senza mai dimenticare l’obiettivo finale: garantire a cittadini e imprese servizi efficienti e di qualità. Abbiamo le risorse e l’intelligenza per vincere questa sfida”.

I piccoli Comuni – afferma il Presidente Anci, Antonio Decaro – rappresentano l’ossatura portante del Paese: sul totale di 7.904 Comuni italiani ben 5.490 hanno una popolazione inferiore a 5.000 abitanti, rappresentano il 17% della popolazione italiana e amministrano il 54% del territorio nazionale. Custodiscono anche gran parte del Patrimonio storico e naturalistico del Paese. Per questo è nostro dovere prendercene cura. Purtroppo in questi anni la frenesia e il mito della grande città ha determinato un progressivo spopolamento. E invece la pandemia ci ha fatto scoprire che esiste nel nostro Paese una riserva di luoghi e di vita che ci restituisce una dimensione nuova, salutare in cui non solo è bello vivere ma è anche possibile. Per far questo però c’è bisogno di renderli efficienti e moderni, pur conservando la loro peculiarità. È fondamentale la convergenza tra la storica battaglia dell’Anci in difesa della rete dei piccoli Comuni e gli impegni assunti dal Governo nazionale su diversi fronti. Sono stati già conseguiti risultati concreti. Si è allentata la stretta sulle assunzioni di nuovo personale. Può essere selezionato un numero maggiore di Segretari comunali. Sono arrivate in porto semplificazioni richieste da lungo tempo nella redazione dei bilanci e in altri adempimenti burocratici. Quest’anno per i piccoli Comuni sono state stanziate risorse per Investimenti per 2,8 miliardi, cui va aggiunto il miliardo di Euro destinato dal ‘Pnrr’ al ‘Piano nazionale Borghi’. Il Progetto ‘P.I.C.C.O.L.I.’ è coerente e importante corollario di questi interventi, affinché l’afflusso delle risorse finanziarie e l’assunzione di nuovo personale si traducano in ciò che alla fine conta davvero: un servizio migliore ai cittadini, una risposta più rapida e completa a ogni loro esigenza nei confronti delle Amministrazioni locali”.

Per il Progetto sono arrivate 1.502 Manifestazioni di interesse (1.399 singole e 103 in forma aggregata), per un totale di 1.988 Comuni con meno di 5.000 abitanti. Tra gli ambiti tematici più selezionati vi sono bilanci, contabilità, gestione del personale e riscossione dei tributi (24%), smart working (22%), acquisti e appalti pubblici (19%), semplificazione (18%), gestione associata servizi locali (17%). 

Anci è al supporto dei Comuni nella progettazione partecipata dei “Piani di intervento”. Infine, 471 Enti hanno già trasmesso il “Piano” al Dipartimento della Funzione pubblica, 552 hanno ultimato il percorso di analisi dei fabbisogni e 612 sono al lavoro. Sono in corso le interlocuzioni con Formez PA, individuato come soggetto attuatore, che fornirà sostegno per la Transizione amministrativa e digitale delle Amministrazioni.


Related Articles

Dichiarazioni fiscali: illegittimo affidare ai Revisori dei conti del Comune l’onere di redigerle e trasmetterle

E’ illegittimo che un Comune, nella Delibera di nomina del proprio Revisore dei conti, con la quale vengono stabiliti, rispettivamente,

Sostituto d’imposta: chiarimenti sulla modalità di restituzione delle somme assoggettate a tassazione in anni precedenti

Con la Circolare n. 8 del 14 luglio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla modalità di

Rimborso del minor gettito Imu- Tasi: primo acconto per i Comuni di Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria colpiti dagli eventi sismici 2016

Con un Comunicato pubblicato il 31 luglio 2019 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.