“Pnrr”: arrivati all’Italia i primi 24,9 miliardi, corrispondenti al 13,9% del “Recovery Plan”

“Pnrr”: arrivati all’Italia i primi 24,9 miliardi, corrispondenti al 13,9% del “Recovery Plan”

Con un Comunicato reso noto dal sito web del Ministero per la Pubblica Amministrazione, il 13 agosto 2021 la Commissione Europea ha distribuito all’Italia Euro 24,9 miliardi per prefinanziare il “Pnrr”. Si tratta del 13,9% dell’importo totale del “Piano” da Euro 191,5 miliardi, di cui Euro 68,9 miliardi e Euro 122,6 miliardi in prestito. A questi si aggiungono Euro 30,6 miliardi del “Piano Complementare” finanziato dall’Italia (Legge n. 101 del 1° luglio 2021, di conversione del Dl. 6 maggio 2021, n. 59, recante “Misure urgenti relative al ‘Fondo complementare’ al ‘Piano nazionale di ripresa e resilienza’ e altre misure urgenti per gli investimenti”. 

A riprova del fatto che i Progetti finanziati dal “Pnrr” sono già partiti o in partenza, della stessa data è stato pubblicato il Bando di concorso pubblico con cui ha avvio la selezione per il reclutamento, a tempo determinato, di “500 Professionisti destinati alle strutture di monitoraggio e rendicontazione dei fondi presso le Amministrazioni titolari dei relativi Progetti e Interventi, per la realizzazione del Sistema di coordinamento istituzionale, gestione, attuazione, monitoraggio e controllo del ‘Pnrr’”, secondo quanto disposto dall’art. 7, comma 1, del Dl. n. 80/2021, convertito in Legge 6 agosto 2021, n. 113.


Related Articles

Esternalizzazione Servizi finanziari: inammissibile in quanto funzione pubblica strettamente connaturata all’esistenza del Comune

Nella Delibera n. 4 del 9 marzo 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, un Comune chiede un parere

Bilanci preventivi 2015: “Linee di indirizzo” su alcuni aspetti significativi nel contesto della contabilità armonizzata

La Corte dei conti – Sezione Autonomie, con la Delibera n. 32 del 16 dicembre 2015, ha adottato le “Linee

E-notification, e-access, e-submission ed e-invoicing: i 4 pilastri dell’e-procurement

L’introduzione di misure e metodologie digitalizzate nel mondo della contrattualistica pubblica è ormai, come noto, in cima alla “to do

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.