“Pnrr”: quali sono le modalità attuative degli interventi previsti?

“Pnrr”: quali sono le modalità attuative degli interventi previsti?

Il testo del quesito

Attraverso quali modalità le Amministrazioni centrali titolari di interventi ‘Pnrr’ possono procedere all’attuazione dei Progetti ?”.

La risposta dei ns. esperti

Le Amministrazioni centrali titolari di interventi “Pnrr” (vedere Dm. Ministero dell’Economia e delle Finanze 6 agosto 2021) possono procedere all’attuazione dei Progetti attraverso le seguenti modalità:

  • A titolarità” – ossia la modalità di attuazione diretta;
  • A regia” – in questo caso i Progetti rientrano nella titolarità di altri Organismi pubblici o privati e vengono selezionati dalle Amministrazioni centrali titolari di interventi “Pnrr” secondo diverse modalità, tra cui le più comuni:
    • procedura concertativo-negoziale;
    • procedura di selezione tramite avviso pubblico;
    • individuazione di Progetti tramite procedure previste da appositi atti normativi.

Le Istruzioni tecniche per la selezione dei Progetti “Pnrr” allegate alla Circolare RgS 14 ottobre 2021, n. 21, danno indicazioni anche per l’individuazione delle spese ammissibili relativamente alle procedure di cui alle lett. b) e c) di cui sopra, rispettivamente alle pagg. 28 e 57.

Nel definire le spese ammissibili, le Amministrazioni titolari dovranno fare riferimento alla normativa nazionale e comunitaria oltre alla vigente disciplina in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture e a quanto ritenuto attualmente ammissibile a valere sui fondi di investimento europei (Regolamento Ue 2021/1060; Dpr. n. 22/2018).

La risposta al quesito, perciò, deve essere trovata negli atti delle singole procedure.

Se la normativa nazionale e comunitaria vigente nell’individuare le spese non ammissibili non esclude che possano essere finanziate le spese di progettazione, è opportuno ricordare che, anche quando ammesse, il loro finanziamento potrebbe avvenire ex- post, una volta sostenute. In questo senso, il timore di dover spendere risorse che poi non verranno finanziate può costituire un disincentivo per gli Enti Locali ad attivare iniziative. Peraltro, a tale proposito, si deve ricordare che per le spese per il Progetto di fattibilità tecnica ed economica (il primo livello di progettazione), l’Allegato 4/2 al Dlgs. n. 118/2011, al punto 5.3.12, riporta quanto segue: “5.3.12 La spesa riguardante il livello minimo di progettazione richiesto ai fini dell’inserimento di un intervento nel ‘Programma triennale dei lavori pubblici’, è registrata nel bilancio di previsione prima dello stanziamento riguardante l’opera cui la progettazione si riferisce. Per tale ragione, affinché la spesa di progettazione possa essere contabilizzata tra gli Investimenti, è necessario che i documenti di programmazione dell’Ente, che definiscono gli indirizzi generali riguardanti gli Investimenti e la realizzazione delle opere pubbliche (Dup, Defr o altri Documenti di programmazione), individuino in modo specifico l’Investimento a cui la spesa di progettazione è destinata, prevedendone altresì le necessarie forme di finanziamento.”

Quindi, finché non esiste il finanziamento per l’opera e l’iscrizione negli strumenti di programmazione la spese sostenuta per il primo livello di progettazione rappresenterà una spesa corrente così come a maggior ragione le spese sostenute per i livelli successivi.

Oltretutto, è ragionevole pensare che i tempi stretti di attuazione del “Pnrr” faranno sì che negli strumenti con i quali si selezioneranno le iniziative i livelli di progettazione richiesti potranno essere di livello superiore alla fattibilità tecnica ed economica o, quanto meno, che verranno favorite le iniziative con una progettazione definitiva e/o esecutiva.

Rileggendo anche il Dossier della Camera dei Deputati relativo al Dl. n. 121/2021, si evidenzia l’importanza dei commenti agli artt. 10 (commi 1-6) e 12. In particolare l’art. 12, proprio per favorire la progettazione nei Comuni delle Regioni del Mezzogiorno nonché in quelli ricompresi nelle Aree interne del Paese, proprio in vista del “Ciclo di programmazione 2021/2027” dei Fondi strutturali e del “Piano nazionale di ripresa e resilienza” – prevede l’istituzione del “Fondo concorsi progettazione e idee per la coesione territoriale”.

Dal Dossier della Camera dei Deputati si evince che “la finalità del ‘Fondo’, secondo quanto espresso nella Relazione illustrativa, è di animare e potenziare la progettualità locale, in vista dell’ingente mole di risorse finanziarie messe a disposizione grazie al ‘Pnrr’, al ‘Fondo Sviluppo e Coesione’ e ai Fondi strutturali del ‘Ciclo di programmazione 2021-2027’, tutte finalizzate in gran parte al recupero del divario infrastrutturale e socio-economico che caratterizza i territori del Mezzogiorno e delle Aree interne. In sostanza, il concorso di progettazione e di idee mira a realizzare 2 obiettivi: – sopperire, nell’immediato, al deficit di progettualità locale prevalentemente imputabile alla carenza di personale tecnico presso gli Enti Locali medio piccoli, fiaccati da un lungo periodo di blocco del turnover; – coinvolgere Professionisti singoli e associati nell’individuazione di idee e Progetti in modo da moltiplicare le energie e rendere diffuso e partecipato il processo di ripresa e resilienza, anche alla luce del Principio di solidarietà orizzontale”.

L’art. 12 cerca di rispondere a un’esigenza che non è soltanto dei Comuni cui si rivolge e, comunque, se ne dovrà verificare l’efficacia.

In ultimo, altro strumento ad oggi disponibile è rappresentato dal “Fondo progettazione Enti Locali” di cui alla “Legge di bilancio 2018” (Legge n. 205/2018, art. 1, comma 1079), dotato finanziariamente con 30 milioni di Euro annui dal 2018 al 2030, e destinato a finanziare la redazione dei progetti di fattibilità tecnica ed economica e dei progetti definitivi ed esecutivi relativi alla messa in sicurezza degli edifici e delle strutture pubbliche di proprietà pubblica e con destinazione d’uso pubblico, con priorità agli edifici e alle strutture scolastiche.

di Giovanni Viale


Related Articles

Dismissione per alienazione delle quote societarie

Nella Delibera n. 94 del 24 maggio 2021 della Corte dei conti Lombardia, un Commissario straordinario, dopo aver illustrato alcuni

Riscossione: nullo l’avviso di accertamento sottoscritto digitalmente e notificato a mezzo Pec prima del 27 gennaio 2018

Nella Sentenza n. 842 del 4 luglio 2019 della Ctr Piemonte, i Giudici chiariscono che l’avviso di accertamento sottoscritto digitalmente

Giurisdizione: assegnazione diritto superficie per dislocazione impianti telefonia mobile

Nella Sentenza n. 49 del 1° febbraio 2019 del Tar Friuli Venezia Giulia, i Giudici affermano che rientra nella giurisdizione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.