Polizia municipale: servono professionalità e titoli di studio adeguati alle molteplici funzioni da ricoprire

Polizia municipale: servono professionalità e titoli di studio adeguati alle molteplici funzioni da ricoprire

Nella Sentenza n. 75 del 16 gennaio 2015, del Consiglio di Stato, in ragione delle peculiarità del Corpo di Polizia municipale, in relazione ai delicati compiti attribuiti dalla legge ai suoi appartenenti, secondo i Giudici, è da escludere che la professionalità necessaria per lo svolgimento proprio di quelle specifiche funzioni sia acquisibile all’interno dell’organizzazione comunale, trattandosi di una professionalità che non può intendersi limitata alla conoscenza del territorio comunale e del suo substrato sociale ovvero dell’effettivo funzionamento dell’apparato comunale, né in tali conoscenze si esaurisce, comportando piuttosto lo svolgimento di funzioni di Polizia locale, nonché di Polizia giudiziaria e di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Dirigenti pubblici: in caso di immotivato mancato incarico deve essere dimostrato in concreto il danno alla professionalità

  Nella Sentenza n. 12678 del 20 giugno 2016 della Corte di Cassazione, un dipendente pubblico con qualifica di Dirigente

Elezioni amministrative 2018: pubblicato il Vademecum Anci volto a supportare i Comuni coinvolti

In vista delle imminenti Consultazioni elettorali, che interesseranno oltre 700 Comuni, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha diffuso il “Vademecum

Prevenzione incendi: al via il nuovo “Codice” più aderente agli standard internazionali

  Con il Dm. Interno 3 agosto 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 192 del 20 agosto 2015 (S.O. n.