Posizioni organizzative: limite di spesa negli Enti privi di dirigenza

Posizioni organizzative: limite di spesa negli Enti privi di dirigenza

Nella Delibera n. 20 del 30 gennaio 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di parere avente ad oggetto la disciplina relativa ai limiti finanziari della spesa inerente le posizioni organizzative in un Comune privo di dirigenza. In particolare chiede se: “In riferimento ai limiti previsti dall’art. 23 del Dlgs. n. 75/17 per un Comune privo di dirigenza si chiede se il valore di spesa determinato per l’anno 2016 per le posizioni organizzative è pari alle somme a tale titolo stanziate nel bilancio di previsione 2016. Inoltre, in caso di presenza di una posizione organizzativa non a tempo pieno, ad esempio in convenzione ex art. 14 del Ccnl 22 gennaio 2004, la stessa debba essere computata per la somma stanziata in bilancio ovvero per la somma che potenzialmente avrebbe preso in caso di presenza a tempo pieno sulla base della graduazione delle posizioni”. La Sezione ha chiarito che il valore della spesa da considerare ai fini del rispetto del tetto per il trattamento accessorio delle posizioni organizzative è, nei Comuni privi di dirigenza, quello stanziato direttamente in bilancio sempre che il valore della stessa sia corrispondente al valore complessivo contrattualmente previsto da attribuire ai dipendenti titolari delle posizioni organizzative. Per quanto riguarda il secondo quesito, ovvero, se sia possibile considerare non il valore effettivo della spesa sostenuta per un dipendente titolare e di posizione organizzativa non a tempo pieno (in convenzione con il rimborso ovviamente della quota da parte dell’altro Ente convenzionato per l’espletamento del servizio del dipendente), ma quello virtuale che sarebbe dovuto per il tempo pieno, la Sezione ritiene di riscontrare negativamente il quesito, ciò perché la norma sancisce il rispetto di quanto effettivamente determinato per la costituzione della spesa relativa al trattamento accessorio. Pertanto, ne consegue, come corollario del principio appena richiamato, che sono da escludere altre soluzioni non compatibili con il principio stabilito dall’articolo in esame.


Related Articles

Imposta di pubblicità: legittimità della ricollocazione degli impianti con gara pubblica

  Nella Sentenza n. 1261 del 27 maggio 2015, del Tar Lombardia, Milano, la Società istante ha lamentato la violazione

“Servizi Sociali”: estensione del diritto all’assegno per il nucleo familiare erogato dai Comuni ai soggiornanti di lungo periodo

L’Inps – Direzione centrale Prestazioni a sostegno del reddito, con le Circolari 15 gennaio 2014, nn. 4 e 5, ha

Ici: la Cassazione interviene sulla qualificazione di area edificabile di un terreno inserito in uno strumento di pianificazione generale

Nella Sentenza n. 18008 del 14 settembre 2016 della Corte di Cassazione, la controversia concerne l’impugnazione, da parte del contribuente,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.