Principio di rotazione: si applica anche in caso di procedure negoziate con previa manifestazione di interesse

Principio di rotazione: si applica anche in caso di procedure negoziate con previa manifestazione di interesse

Nella Sentenza n. 3831 del 6 giugno 2019 del Consiglio di Stato, il Principio di rotazione trova applicazione, non solo per gli affidamenti diretti sotto soglia (per importi fino a Euro 40.000), ma anche per le procedure negoziate di lavori, servizi e forniture (per importi pari o superiori a Euro 40.000 fino alle soglie comunitarie) effettuate ai sensi dell’art. 36 del Dlgs. n. 50/2016.

Questo il Principio affermato dal Consiglio di Stato nella Sentenza in esame, con quale è stato altresì ribadito che il Principio di rotazione mira ad evitare il crearsi di posizioni di rendita anticoncorrenziali in capo al contraente uscente (la cui posizione di vantaggio deriva soprattutto dalle informazioni acquisite durante il precedente affidamento) e di rapporti esclusivi con determinati operatori economici, favorendo, per converso, l’apertura al mercato più ampia possibile. Per tale motivo, secondi i Giudici di Palazzo Spada, il Principio di rotazione si riferisce, non solo agli affidamenti ma anche agli inviti, orientando le stazioni appaltanti nella fase di consultazione degli operatori economici da interpellare e da invitare per presentare le offerte, ed assumendo quindi nelle procedure negoziate il valore di una sorta di contropartita al carattere “fiduciario” della scelta del contraente, allo scopo di evitare che il carattere discrezionale della scelta si traduca in uno strumento di favoritismo e di assicurare l’avvicendamento delle imprese affidatarie.

In ossequio al Principio di rotazione come sopra richiamato, nel caso di specie il Consiglio di Stato ritiene che la stazione appaltante non avrebbe dovuto invitare alla procedura negoziata il gestore uscente, sebbene questo avesse presentato regolare istanza di partecipazione a seguito della preventiva manifestazione di interesse.


Related Articles

Bando: illegittimo se limita la partecipazione solo alle Cooperative iscritte all’Albo della Regione in cui ha sede la stazione appaltante

  La Pronuncia del Tar Lombardia Brescia, Sezione I, 13 luglio 2015, n. 945 consente di soffermarsi sulle clausole di

“Legge europea 2017”: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

E’ stata pubblicata in G.U. la Legge 20 novembre 2017, n. 167, concernente “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza

Rimborso spese di viaggio: Amministratore con domicilio fuori dal Comune per ragioni professionali

Nella Delibera n. 4 del 10 gennaio 2018 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere sulla corretta interpretazione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.