Procedimento amministrativo: ammissibilità dell’algoritmo nell’esercizio dell’attività amministrativa

Procedimento amministrativo: ammissibilità dell’algoritmo nell’esercizio dell’attività amministrativa

Nella Sentenza n. 8472 del 13 dicembre 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che il ricorso all’algoritmo nel procedimento amministrativo, pienamente ammissibile, va correttamente inquadrato in termini di modulo organizzativo, di strumento procedimentale ed istruttorio, soggetto alle verifiche tipiche di ogni procedimento amministrativo, il quale resta il modus operandi della scelta autoritativa, da svolgersi sulla scorta della legislazione attributiva del potere e delle finalità dalla stessa attribuite all’organo pubblico, titolare del potere. Né vi sono ragioni di principio, ovvero concrete, per limitare l’utilizzo all’attività amministrativa vincolata piuttosto che discrezionale, entrambe espressione di attività autoritativa svolta nel perseguimento del pubblico interesse.

Premessa la generale ammissibilità dell’algoritmo nell’esercizio dell’attività amministrativa, assumono rilievo fondamentale, anche alla luce della disciplina di origine sovranazionale, 2 aspetti preminenti, quali elementi di minima garanzia per ogni ipotesi di utilizzo di algoritmi in sede decisoria pubblica:

a) la piena conoscibilità a monte del modulo utilizzato e dei criteri applicati;

b) l’imputabilità della decisione all’organo titolare del potere, il quale deve poter svolgere la necessaria verifica di logicità e legittimità della scelta e degli esiti affidati all’algoritmo.

I Giudici evidenziano che anche la Pubblica Amministrazione debba poter sfruttare le rilevanti potenzialità della c.d. “rivoluzione digitale”. In tale contesto, il ricorso ad algoritmi informatici per l’assunzione di decisioni che riguardano la sfera pubblica e privata si fonda sui paventati guadagni in termini di efficienza e neutralità. In molti campi gli algoritmi promettono di diventare lo strumento attraverso il quale correggere le storture e le imperfezioni che caratterizzano tipicamente i processi cognitivi e le scelte compiute dagli esseri umani, messi in luce soprattutto negli ultimi anni da un’imponente letteratura di economia comportamentale e psicologia cognitiva. In tale contesto, le decisioni prese dall’algoritmo assumono così un’aura di neutralità, frutto di asettici calcoli razionali basati su dati.


Related Articles

Mancato assorbimento del personale da parte dell’impresa aggiudicataria: può legittimare i concorrenti ad impugnare la procedura

Il mancato assorbimento del personale da parte dell’impresa aggiudicataria può manifestare la sostanziale volontà di non accettazione della clausola sociale,

Società “in house”: la Corte dei conti individua gli elementi identificativi

Nota a Sentenza Corte dei conti Lombardia n. 49/2018   Con la Sentenza n. 49/2018, la Corte dei conti della

Processo tributario: legittimazione alla sottoscrizione degli avvisi

La Ctp Potenza, con la Sentenza n. 122/02/15 del 6 febbraio 2015, ha affermato che, nel caso in cui l’avviso

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.