“Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” degli Enti Locali: il ruolo degli Organismi partecipati

“Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” degli Enti Locali: il ruolo degli Organismi partecipati

 

Le dinamiche riguardanti gli Organismi partecipati dagli Enti Locali rivestono particolare importanza, non solo nell’ambito della procedura di risanamento, a cui le Amministrazioni medesime soggiacciono allorché manifestano lo stato di dissesto finanziario ai sensi dell’art. 244 del Dlgs. n. 267/00 (Tuel), ma anche nel contesto della “procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” che (le stesse Amministrazioni) eventualmente azionano – giusta applicazione dell’art. 243-bis del Decreto citato – nel caso vengano a registrare squilibri strutturali del bilancio in grado di provocare il dissesto.

Una volta che abbia fatto ricorso a quest’ultima procedura, l’Ente è tenuto a deliberare un

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Bilancio di previsione 2015: in G.U. il Decreto con la proroga al 31 maggio 2015 del termine per l’approvazione

E’ stata formalizzata con il Decreto del Ministero dell’Interno datato 16 marzo 2015, pubblicato sulla G.U. n. 67 del 21

Archivio fiscale: gli aspetti operativi per adeguarsi in vista della scadenza del 31 dicembre 2016

Il 31 dicembre 2016 scade il termine per inviare in conservazione l’Archivio fiscale contenente i documenti informatici fiscalmente rilevanti prodotti

Tributi locali: le osservazioni di Anci e Ifel sugli orientamenti diramati da Arera sulla “nuova” Tari

Sono state pubblicate il 16 settembre 2019 sul sito web istituzionale di Anci le osservazioni in merito ai contenuti dei