Procedura di selezione interna: è legittima la scelta di non considerare l’anzianità maturata presso altro Ente

Procedura di selezione interna: è legittima la scelta di non considerare l’anzianità maturata presso altro Ente

Nell’Ordinanza n. 13622/2020 della Corte di Cassazione, un Funzionario ministeriale ha presentato domanda per partecipare ad un concorso di qualificazione per il passaggio alla posizione superiore della propria area professionale. La Suprema Corte ha affermato che, in materia di “Pubblico Impiego privatizzato”, la disciplina delle procedure selettive interne, dirette alla mera progressione economica o professionale all’interno della medesima area o fascia, è strettamente collegata a quella degli inquadramenti del personale pubblico “privatizzato”, delegificata (in quanto non esclusa dalla previsione di cui all’art. 40, comma 1 del Dlgs. n. 165/2001) ed affidata alla contrattazione collettiva chiamata a regolare i rapporti di lavoro dei pubblici dipendenti “privatizzati” (artt. 2, comma 2 e 3, 45, 51, 52, 69 comma 1, 71 del Dlgs. n. 165/2001), la quale, per quanto riguarda le progressioni all’interno della stessa area, può derogare alle disposizioni contenute nel Dpr. n. 497/1994, nel rispetto del principio di selettività (art. 52, comma 1-bis del Dlgs. n. 165/2001). Le selezioni interne sono indirizzate a consentire alle Amministrazioni di valorizzare le professionalità già inserite nell’organizzazione dell’Ente, nei limiti in cui sono concesse. Ciò posto, i Giudici di legittimità, relativamente alla situazione di dipendenti che abbiano maturato esperienza pregressa anche presso altre amministrazioni, hanno precisato che la prosecuzione giuridica del rapporto di lavoro non fa venir meno la diversità fra le due fasi di svolgimento del rapporto medesimo, sempre che il trattamento differenziato non implichi la mortificazione di un diritto già acquisito dal lavoratore. Per questo motivo può risultare irrilevante, ai fini della progressione di carriera, l’anzianità maturata presso l’Ente di provenienza, ove il nuovo datore di lavoro abbia inteso valorizzare, con il bando di selezione, l’esperienza professionale specifica maturata alle proprie dipendenze, differenziandola da quella riferibile alla pregressa fase del rapporto.


Related Articles

Le nuove regole sui congedi parentali: come cambiano le astensioni dei genitori alla luce del Dlgs. n. 80/15

Sulla G.U. n. 144 del 24 giugno 2015 è stato pubblicato il Dlgs. 15 giugno 2015, n. 80, titolato “Misure

Indennità erogate dai Comuni per la partecipazione ai Tirocini di inclusione sociale: esenzione da Irpef solo se la finalità è assistenziale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 51 del 12 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti sul trattamento

Case da gioco: le norme che regolano la determinazione dei compensi per i dipendenti

Nella Delibera n. 31 del 21 marzo 2017 della Corte dei conti Liguria, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.