Procedura Docfa: modalità di soddisfazione dell’obbligo di motivazione dell’avviso di classamento

Procedura Docfa: modalità di soddisfazione dell’obbligo di motivazione dell’avviso di classamento

Nell’Ordinanza n. 6210 del 4 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che l’atto con cui l’Amministrazione disattende le indicazioni del contribuente circa il classamento di un fabbricato deve contenere una adeguata – anche solo sommaria – motivazione che delimiti l’oggetto della successiva ed eventuale controversia giudiziaria. Ciò è reso tanto più necessario in considerazione delle incertezze proprie del Sistema catastale italiano che si riflettono sull’atto (classamento) con cui l’Amministrazione colloca ogni singola unità immobiliare in una determinata Categoria, in una determinata classe di merito e le attribuisce una “rendita”.

Poi, la Suprema Corte

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Appalti: la cauzione provvisoria non dev’essere necessariamente firmata da tutte le Imprese della costituenda Ati

Il Tar Lombardia, con la Sentenza n. 1259 del 20 novembre 2014, statuisce che la cauzione provvisoria non deve essere

“Ddl. Bilancio 2017”: verso la proroga della maggiorazione della deduzione di ammortamenti sugli investimenti in beni materiali

Con la proposta di disposizione in commento l’agevolazione di cui all’art. 1, comma 91, “Legge di stabilità 2016”, consistente nella

“Servizi Demografici”: oltre 4,6 milioni gli Italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2014

Sono 4.636.647 i cittadini italiani residenti all’estero al 31 dicembre 2014: a scattare “la fotografia” della distribuzione di questi nei

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.