Procedura negoziata: legittimo usare elenchi fornitori presenti sul Mepa anziché optare per indagine di mercato con Avviso pubblico

Procedura negoziata: legittimo usare elenchi fornitori presenti sul Mepa anziché optare per indagine di mercato con Avviso pubblico

Nella Sentenza n. 1018 del 5 ottobre 2017 del Tar Puglia, viene contestato un provvedimento con cui il Ministero dell’Interno ha negato l’approvazione, propedeutica all’effettiva erogazione del finanziamento pubblico concesso, di un contratto di fornitura stipulato tra un Ente Locale e una Società all’esito di una procedura negoziata ai sensi dell’art. 36, comma 2, lett. b), del Dlgs. n. 50/16.

I Giudici pugliesi hanno riconosciuto alle Amministrazioni la possibilità di attingere i soggetti da invitare “dall’Elenco dei fornitori propri o da quelli presenti nel Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione”. Ciò risulta già espresso dall’art. 36 oltre che dall’art. 216, comma 9, del Dlgs. n. 50/16. Dunque, l’utilizzo in una procedura negoziata degli elenchi di operatori economici presenti sul Mepa in luogo di una indagine di mercato con Avviso pubblico o di un Albo di fornitori appositamente costituito da una stazione appaltante, è legittimo.


Related Articles

Appalti: da gennaio 2022 diventa operativo il “Bando digitale tipo” per le gare predisposto da Anac

Come si legge sul Portale istituzionale Anac, da gennaio 2022 diventa operativo il Bando digitale tipo per tutte le gare

Avvalimento: possibile per la certificazione Soa purché accompagnato da un contratto che indichi mezzi e risorse messi a disposizione

Nella Sentenza n. 121 del 1° ottobre 2019 del Tribunale regionale di Giustizia amministrativa di Trento, i Giudici chiariscono che

“Soccorso istruttorio”: applicabile ove a differire dal prezzo minimo prescritto dalla “lex specialis” sia una singola voce del prezziario

Nella Sentenza n. 2973 del 19 giugno 2017 del Consiglio di Stato, una Società ha impugnato la determinazione recante affidamento