Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando: l’estrema urgenza non deve essere imputabile alla stazione appaltante

Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando: l’estrema urgenza non deve essere imputabile alla stazione appaltante

Nella Sentenza n. 413 del 23 febbraio 2016 del  Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici rilevano che il sistema di scelta del contraente a mezzo di procedura negoziata senza pubblicazione del bando di cui all’art. 57, comma 2, del Dlgs. n. 163/06, rappresenta un’eccezione al principio generale della pubblicità e della massima concorrenzialità tipica della procedura aperta, con la conseguenza che i presupposti fissati dalla legge per la sua ammissibilità devono essere accertati con il massimo rigore e non sono suscettibili d’interpretazione estensiva. In base all’art. 57,  comma 2, lett. c), del Dlgs. n. 163/06, l’affidamento diretto è consentito nella misura strettamente necessaria, quando l’estrema urgenza, risultante da eventi imprevedibili per le stazioni appaltanti, non è compatibile con i termini imposti dalle procedure aperte, ristrette, o negoziate previa pubblicazione di un bando di gara. Le circostanze invocate a giustificazione della estrema urgenza non devono essere imputabili alle stazioni appaltanti.

Dunque, nel caso in esame, è legittima la scelta effettuata dal Comune di  affidare temporaneamente la gestione della Piscina comunale in base alla norma citata, in quanto la scelta è stata per evitare di far fronte a costi non sostenibili derivanti dal pericolo di un’eventuale “non gestione” della struttura per un tempo apprezzabile e non predeterminabile, con connessa evidente alta probabilità di danni che all’Ente sarebbe potuta derivare dall’eventuale danneggiamento degli Impianti.


Related Articles

Iva: è rilevante l’attività di sgombero neve svolta da un agricoltore col proprio trattore

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 23 ad una Istanza di Interpello, diffusa il 4 ottobre 2018, ha riaffermato

Servizi pubblici locali: forma di gestione e avvio della procedura di affidamento

Nella Delibera n. 332 del 27 novembre 2014 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco di un Comune ha posto

Centrali uniche di committenza: definiti i requisiti per l’iscrizione nell’Elenco dei soggetti aggregatori

Con il Dpcm. 11 novembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 15 del 20 gennaio 2015, la Presidenza del Consiglio dei