Procedure di gara: niente esclusione se l’offerta economica appare completa in tutti i suoi elementi costitutivi

Procedure di gara: niente esclusione se l’offerta economica appare completa in tutti i suoi elementi costitutivi

Nel Parere n. 60 del 22 aprile 2015 dell’Anac, un Comune ha presentato istanza di parere relativamente alla procedura aperta per l’appalto di servizio di assistenza domiciliare specialistica, da aggiudicare mediante il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. In particolare il quesito riguarda la non conformità rispetto alla lex specialis delle offerte economiche presentate da due concorrenti in quanto la percentuale di ribasso indicata in ciascuna offerta risulta applicata all’intero importo posto a base di gara e non solo sulla parte di esso assoggettabile a ribasso. L’Anac osserva che nel caso di specie non si tratta di risolvere un’insanabile ambiguità delle offerte economiche presentate, quanto, piuttosto, di individuare in concreto la reale volontà espressa dalle concorrenti, con la conseguenza che l’esatto ammontare del ribasso offerto in termini percentuali era agevolmente ricavabile dalle singole voci riportate in ciascuna offerta economica, risultando il reale ribasso in termini percentuali, al di là di refusi alfanumerici esistenti, dal semplice raffronto tra l’importo a base d’asta e l’offerta economica finale. L’Anac afferma che le offerte di gara, intese come atto negoziale, sono suscettibili di essere interpretate alla ricerca della effettiva volontà del dichiarante; con la conseguenza, fra l’altro, che tale attività interpretativa può consistere anche nella individuazione e nella rettifica di evidenti errori di scritturazione e di calcolo. Pertanto, nelle procedure di gara da aggiudicare mediante criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, l’errata indicazione del ribasso in termini percentuali per palese errore di calcolo, non è causa di esclusione dalla procedura di gara, nel caso in cui l’offerta economica appaia comunque completa degli elementi costitutivi (prezzo offerto e oneri per la sicurezza).

Anac – Parere n. 60 del 22 aprile 2015


Related Articles

Contenzioso tributario: mancata configurazione del litisconsorzio necessario tra Ente impositore e Agente della riscossione

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 25523 del 2 dicembre 2014, si è espressa sul caso di un

Avvalimento plurimo o frazionato: non è ammissibile per il “requisito di punta”

Nella Sentenza n. 5186 del 24 agosto 2020 del Consiglio di Stato,i Giudici chiariscono che oramai è un dato acquisito

Revoca dell’Assessore comunale e intuito personae

Nella Sentenza n. 453 del 4 marzo 2019 del Tar Lombardia, un Sindaco ha revocato dalla carica di Vice-Sindaco ed