Processo tributario: difetto del contraddittorio processuale

Nell’Ordinanza n. 20209 dell’8 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che, nel processo tributario, le variazioni del domicilio eletto o della residenza o della sede, a norma dell’art. 17, comma 1, del Dlgs. n. 546/92, sono efficaci nei confronti delle controparti costituite dal decimo giorno successivo a quello in cui sia stata loro notificata la denuncia di variazione. Tale onere di notificazione è previsto per il domicilio autonomamente eletto dalla parte, mentre l’elezione del domicilio dalla medesima parte operata presso lo studio del procuratore ha la mera funzione di indicare la sede dello studio del procuratore medesimo.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: area scoperta per lo svolgimento l’attività di Impresa

Nell’Ordinanza n. 4223 del 13 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, un Consorzio proponeva ricorso avverso l’avviso di accertamento Ici

Trasferimenti erariali: “Fondo europeo rimpatri”, pubblicate le graduatorie dei Progetti relativi all’Azione 6 del Programma 2013

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà civili e l’immigrazione, Direzione centrale dei Servizi civili per l’Immigrazione e l’Asilo,

Edilizia scolastica: approvate le norme tecniche per la prevenzione degli incendi nelle Scuole

Con Decreto 7 agosto 2017, emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il Miur e pubblicato sulla G.U. n. 197