Processo tributario: gli atti degli Enti Locali impugnabili

Processo tributario: gli atti degli Enti Locali impugnabili

La Sentenza n. 11471 dell’11 maggio 2018 della Corte di Cassazione ha chiarito quali sono gli atti degli Enti Locali concretamente impugnabili nel processo tributario.

La diffida di pagamento non rientra nell’elenco tassativo degli atti impugnabili avanti al Giudice tributario, così come previsti nell’elenco di cui all’art. 19 del Dlgs. 546/92. Se tale circostanza non ne impedisce comunque l’impugnazione, in quanto estrinsecazione sostanziale della pretesa impositiva, la presentazione del ricorso costituisce però una mera facoltà per la contribuente. E l’omessa impugnazione non comporta quindi alcuna decadenza o preclusione nell’impugnazione, anche nel merito, dei successivi atti.

Il caso

Nel caso di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Arriva la proroga ex post per la “Dichiarazione Iva 2017”: considerati tempestivi gli invii fatti entro il 3 marzo 1017

Con un Comunicato-stampa diramato il 1° marzo 2017, quindi un giorno dopo il termine ultimo per l’invio telematico della “Dichiarazione

Avvocati Enti pubblici: legittima la rilevazione automatica delle presenze tramite “badge”

Nella Sentenza n. 5538 del 26 settembre 2018 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda l’accertamento automatico

Trasferimenti erariali: rimborso della spesa sostenuta nel 2015 per il personale degli Enti Locali ex Fime

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con la Circolare n. 3 dell’8 febbraio 2016, ha fornito

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.