Processo tributario: il fatto che la questione oggetto di contenzioso sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione

Processo tributario: il fatto che la questione oggetto di contenzioso sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione

Nella Sentenza n. 2519 del 24 dicembre 2015 della Ctr Calabria, i Giudici rilevano che la condanna al pagamento delle spese del giudizio è legata al principio della soccombenza, di cui alle cogenti previsioni degli artt. 91 e seguenti del Cpc. Il fatto che la questione sottoposta al Giudice sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione delle spese del giudizio, atteso che, oltre che in caso di soccombenza reciproca, il Giudice può disporre la compensazione laddove ricorrano gravi ed eccezionali ragioni, delle quali peraltro deve dare espressa contezza nella Sentenza.

Per ragioni analoghe, è del tutto irrilevante che, in altre cause aventi lo stesso oggetto, la Commissione provinciale abbia disposto la compensazione delle spese del giudizio. Infine, è chiaro, che l’importo della pretesa non costituisce un limite rispetto alla liquidazione delle spese legali, nel senso che, pur dovendosi quantificare l’importo dovuto a titolo di spese sulla base del valore della controversia, la somma liquidata deve tenere conto dei compensi stabiliti per l’opera del difensore.

Sentenza n. 2519 del 24 dicembre 2015 – Ctr Calabria


Related Articles

Imu: assegnati i conguagli per il 2013 e riassegnate le somme residue

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha reso noto il testo del Decreto 4 aprile 2014, emanato

Acquisizione gratuita del bene al patrimonio comunale

Nella Sentenza n. 3330 del 26 maggio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che qualora l’annullamento d’ufficio di

Nullità del provvedimento: revocazione per omesso rilievo d’ufficio

Nella Sentenza n. 1049 del 14 febbraio 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che nel giudizio amministrativo la