Processo tributario: il fatto che la questione oggetto di contenzioso sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione

Processo tributario: il fatto che la questione oggetto di contenzioso sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione

Nella Sentenza n. 2519 del 24 dicembre 2015 della Ctr Calabria, i Giudici rilevano che la condanna al pagamento delle spese del giudizio è legata al principio della soccombenza, di cui alle cogenti previsioni degli artt. 91 e seguenti del Cpc. Il fatto che la questione sottoposta al Giudice sia controversa non costituisce motivo sufficiente per la compensazione delle spese del giudizio, atteso che, oltre che in caso di soccombenza reciproca, il Giudice può disporre la compensazione laddove ricorrano gravi ed eccezionali ragioni, delle quali peraltro deve dare espressa contezza nella Sentenza.

Per ragioni analoghe, è del tutto irrilevante che, in altre cause aventi lo stesso oggetto, la Commissione provinciale abbia disposto la compensazione delle spese del giudizio. Infine, è chiaro, che l’importo della pretesa non costituisce un limite rispetto alla liquidazione delle spese legali, nel senso che, pur dovendosi quantificare l’importo dovuto a titolo di spese sulla base del valore della controversia, la somma liquidata deve tenere conto dei compensi stabiliti per l’opera del difensore.

Sentenza n. 2519 del 24 dicembre 2015 – Ctr Calabria


Related Articles

Ambito di intervento dell’Anac: nuove indicazioni sulle segnalazioni che non saranno prese in considerazione

Con una Nota pubblicata l’8 maggio 2017 sul proprio sito web istituzionale, l’Anac è tornata sul tema degli ambiti di

Personale Enti Locali: apertura sulle assunzioni a tempo indeterminato

Nella Delibera n. 324 del 12 ottobre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha posto un quesito in

Imu/Tasi: chiarimenti del Mef sull’applicazione della riduzione per gli immobili concessi in comodato

Per i contratti di comodato stipulati in forma scritta successivamente al 16 gennaio 2016, per godere dell’agevolazione in esame occorrerà