Processo tributario: l’esimente da sanzioni non può essere rilevata d’ufficio

Processo tributario: l’esimente da sanzioni non può essere rilevata d’ufficio

 

Nella Sentenza n. 12768 del 19 giugno 2015, la Corte di Cassazione afferma che la generica richiesta di accertamento della non debenza delle sanzioni, contenuta nelle conclusioni del ricorso introduttivo, non può valere a ricomprendere nel thema decidendum anche vizi di nullità del ruolo o della cartella non puntualmente dedotti. Una richiesta generica non risulta compatibile con un giudizio di tipo impugnatorio-misto, qual è quello tributario, in cui l’oggetto del giudizio è circoscritto dalle ragioni della pretesa fiscale riportate nell’atto opposto e dagli specifici motivi di opposizione proposti dal contribuente.

Nel caso di specie, è stata richiesta l’applicazione dell’esimente

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Istat: un italiano su cinque è a rischio povertà

Il 19,4% della popolazione italiana è a rischio povertà, una famiglia su 10 (11,6%) è “gravemente deprivata”, e il 12%

Notifiche: emanato dall’Agcom il Regolamento per il rilascio delle licenze per le poste private

È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Agcom la Delibera n. 77/18/CONS del 20 febbraio 2018, contenente, all’Allegato “A”, il

Ici: applicabilità del cumulo giuridico

  Nella Sentenza n. 26077 del 30 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che in tema di