Processo tributario: l’imputato assolto in sede penale può essere ritenuto fiscalmente responsabile

Processo tributario: l’imputato assolto in sede penale può essere ritenuto fiscalmente responsabile

Nell’Ordinanza n. 21126 del 2 ottobre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte rileva che, in tema di contenzioso tributario, nessuna automatica autorità di cosa giudicata può attribuirsi alla Sentenza penale irrevocabile, di condanna o di assoluzione, emessa in materia di reati fiscali, ancorché i fatti esaminati in sede penale siano gli stessi che fondano l’accertamento degli Uffici finanziari, dal momento che nel Processo tributario vigono i limiti in tema di prova posti dall’art. 7, comma 4, del Dlgs. n. 546/1992, e trovano ingresso invece anche presunzioni semplici, di per sé inidonee a supportare una pronuncia penale di condanna. Ne consegue che l’imputato assolto in sede penale, anche con formula piena, per non aver commesso il fatto o perché il fatto non sussiste, può essere ritenuto responsabile fiscalmente qualora l’atto impositivo risulti fondato su validi indizi, insufficienti per un giudizio di responsabilità penale, ma adeguati, fino a prova contraria, nel giudizio tributario.


Related Articles

Le penali applicate nell’ambito di un contratto di appalto non possono essere contestate dinanzi al Tar

L’Impresa che intenda contestare il fondamento o la quantificazione delle penali applicate da un Ente non può rivolgersi al Tar,

Ici/Imu: fabbricati di nuova costruzione, accatastati ma non ultimati

Nella Sentenza n. 11694 dell’11 maggio 2017 della Corte di Cassazione, veniva respinta l’impugnazione proposta da un Consorzio contro l’avviso

Affidamento servizi di riscossione e accertamento Tributi degli Enti Locali

Nella Sentenza n. 1693 dell’8 maggio 2020 del Tar Campania, i Giudici affermano che, per l’affidamento dei servizi di riscossione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.