“Processo tributario telematico”: estensione dell’applicazione alle Commissioni tributarie di altre 6 Regioni

“Processo tributario telematico”: estensione dell’applicazione alle Commissioni tributarie di altre 6 Regioni

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 161 del 12 luglio 2016 il Decreto Mef 30 giugno 2016, recante “Estensione a 6 Regioni delle specifiche tecniche per l’uso degli strumenti informatici e telematici nell’ambito del Processo tributario”.

Il Decreto in questione estende ad altre 6 Regioni le disposizioni contenute nel Decreto Direttoriale 4 agosto 2015, contenente le specifiche tecniche sulle regole operative per l’uso di strumenti informatici e telematici nell’ambito del processo tributario.

Il Decreto in commento, richiamate le disposizioni contenute nel citato Decreto Direttoriale 4 agosto 2015, estende le disposizioni sperimentali in materia di processo tributario telematico alle Commissioni tributarie provinciali e regionali delle Regioni Abruzzo, Emilia Romagna, Liguria, Molise, Piemonte e Veneto.

Ai sensi dell’art. 2 del medesimo Decreto, quanto disposto nell’art. 1 entra in vigore per gli atti processuali attinenti ai ricorsi notificati:

  1. dal 15 ottobre 2016 per le Regioni Abruzzo e Molise;
  2. dal 15 novembre 2016 per le Regioni Piemonte e Liguria;
  3. dal 15 dicembre 2016 per le Regioni Veneto ed Emilia Romagna.

Related Articles

“Servizi Demografici”: nuove istruzioni del Viminale in merito al rilascio della Carta d’identità elettronica

Facendo seguito alla pubblicazione del Decreto Mef 25 maggio 2016 e del Dm. 23 dicembre 2015 , il Ministero dell’Interno

Project financing: i requisiti soggettivi devono essere posseduti dalla presentazione della domanda fino al termine della fase esecutiva

Nella Delibera n. 737 del 9 settembre 2020, l’Anac puntualizza che si impone la continuità nel possesso dei requisiti soggettivi,

Irpef: tassazione separata per la distribuzione del “Fondo risorse decentrate” in base al Contratto collettivo nazionale integrativo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 177 del 10 giugno 2020, ha fornito chiarimenti in ordine