Professionisti forfettari: le nuove norme su requisiti di accesso e cause di esclusione non contrastano con lo “Statuto del contribuente”

Professionisti forfettari: le nuove norme su requisiti di accesso e cause di esclusione non contrastano con lo “Statuto del contribuente”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione all’Istanza di Interpello n. 7/E dell’11 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine alle modifiche ai requisiti di accesso ed alle cause di esclusione dal “regime forfettario” di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014, in virtù delle novità introdotte dalla Legge n. 160/2019 (“Legge di bilancio 2020”).

L’art. 1, comma 692, di tale Legge n. 160/2019, ha apportato sostanziali modifiche alla disciplina del “regime forfetario”, sia con riferimento ai requisiti di accesso, sia in relazione alle cause di esclusione.

In particolare:

– con riferimento ai requisiti di accesso, il comma 692, alla lett. a), ha sostituito l’art. 1, comma 54, della Legge n. 190/2014, prevedendo che i contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni applicano il regime forfetario se, al contempo, nell’anno precedente hanno conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori ad Euro 65.000 e se hanno sostenuto spese per il personale e per lavoro accessorio superiori ad Euro 20.000 (originariamente il limite era fissato in Euro 5.000);

– con riferimento alle cause di esclusione, la disposizione inserita nella “Legge di bilancio 2020”, ha previsto quale causa di esclusione dall’applicazione del “regime forfetario” l’ipotesi in cui, nel periodo d’imposta precedente, il soggetto abbia percepito redditi di lavoro dipendente o assimilati di importo lordo superiore a Euro 30.000. Tale causa di esclusione non si discosta da quella, sostanzialmente identica sul punto, prevista in sede di prima applicazione del regime forfetario ex art. 1, comma 57, lett. d-bis), della Legge n. 190/2014, laddove era prevista, quale causa ostativa all’accesso al regime, la circostanza che la persona non avesse percepito, nell’anno precedente, redditi di lavoro eccedenti l’importo di Euro 30.000.

Ai fini della individuazione del periodo di imposta a decorrere dal quale le suddette modifiche producono effetto, l’Agenzia ha osservato che, come si evince dall’espressa formulazione normativa del novellato comma 54, il limite delle spese, di cui alla lett. b), del nuovo comma 54, va verificato con riferimento all’anno precedente all’applicazione del regime forfetario. Di conseguenza, i contribuenti che nel 2019 hanno superato i limiti previsti nel comma 54 in commento non potranno accedere al regime forfetario nel 2020. Anche per la clausola di esclusione prevista nel predetto comma 57, lett. d-ter), in base al tenore letterale della norma, l’Agenzia ha evidenziato che la stessa opera già dal periodo d’imposta 2020 se i contribuenti nel periodo d’imposta 2019 conseguono redditi di lavoro dipendente e/o assimilati in misura superiore a Euro 30.000.

Tale interpretazione trova un precedente nei chiarimenti resi con la Circolare n. 10/E del 4 aprile 2016, in relazione alla medesima clausola inserita a opera della Legge n. 2018/2015 (“Legge di stabilità 2016”). Con riferimento all’eventuale contrasto delle nuove norme con l’art. 3 dello “Statuto dei diritti del contribuente”, l’Agenzia ha osservato che le modifiche apportate al regime con la “Legge di bilancio 2020” “non impongono alcun adempimento immediato, atto a garantire le condizioni abilitanti per la permanenza nel regime per i soggetti che nel 2019 avevano i requisiti per fruire del forfait. Infatti, il requisito (non aver sostenuto più di 20.000 Euro di spese per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti e collaboratori) e la causa di esclusione (aver percepito più di 30.000 Euro di redditi da lavoro dipendente e assimilati) impongono esclusivamente una verifica dell’eventuale superamento di dette soglie. Inoltre, l’eventuale fuoriuscita dal ‘regime forfetario’ comporterà per il contribuente l’adozione del ‘regime ordinario’, con i consueti adempimenti e secondo regole note e già fissate nell’ambito dello stesso ‘regime forfetario’: in tale ottica, non sembra possibile ritenere che si contravvenga al contenuto dispositivo dell’art. 3, comma 2, dello Statuto dei diritti del contribuente”. L’Agenzia ha segnalato infine che quanto sopra rappresentato è in linea con quanto indicato nella Risposta resa in data 5 febbraio 2020 alle Interrogazioni parlamentari n. 5-03471 e n. 5-03472, presentate alla Camera dei Deputati.


Related Articles

Bilancio di previsione 2015: ufficializzata la proroga al 31 marzo 2015 del termine per l’approvazione

E’ stata formalizzata con il Decreto del Ministero dell’Interno 24 dicembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 301 del 30 dicembre

“Legge di stabilità 2016”: il nuovo vincolo di finanza pubblica per gli Enti Locali

La Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”), a decorrere dal 2016, “manda in pensione” il Patto di stabilità interno

Iva: qual è l’aliquota da applicare per la ristrutturazione della Caserma dei Carabinieri?

Il quesito: “Si richiede l’aliquota Iva da applicare per il progetto relativo alla ristrutturazione, o nuova costruzione, dell’edificio ‘Caserma dei

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.