Protezione civile: disposte semplificazioni per la pubblicazione dei bandi di gara e deroghe al “Regolamento di Polizia mortuaria”

Protezione civile: disposte semplificazioni per la pubblicazione dei bandi di gara e deroghe al “Regolamento di Polizia mortuaria”

Con l’Ordinanza n. 655 del 25 marzo 2020, il Capo del Dipartimento della Protezione civile ha disposto ulteriori misure in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili, tenuto conto della necessità di garantire uniformità applicativa dei Dpcm. finora emanati e di assicurare il coordinamento e la più efficiente organizzazione di tutti i soggetti istituzionali coinvolti.

L’Ordinanza, considerata la necessità e l’urgenza di garantire ogni utile supporto operativo e logistico alle Autorità sanitarie e di Protezione civile, ha autorizzato gli Enti del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente, di cui all’art. 1 della Legge n. 132/2016, a svolgere funzioni ulteriori ed in deroga a quelle previste dagli artt. 6 e 7 della stessa Legge.

Inoltre, per garantire la piena ed efficace operatività del Servizio nazionale di Protezione civile, per l’intera durata dello stato di emergenza i datori di lavoro consentono ai volontari impiegati nelle attività di contenimento del virusCovid-19” di svolgere dette attività fino a 60 giorni continuativi e 180 giorni nel corso dell’anno, ferme restando le procedure di attivazione e comunicazione.

L’art. 4 dell’Ordinanza in esame prevede poi una semplificazione per le procedure di acquisto di beni e servizi disciplinate dal Dlgs. n. 50/2016 (“Codice dei Contratti pubblici”), necessarie al fine di dare piena ed immediata attuazione ai Provvedimenti normativi e di Protezione civile emananti in relazione all’emergenza epidemiologica da “Covid-19” ed in genere per assicurare la gestione di ogni situazione connessa all’emergenza sanitaria in atto. Viene infatti prevista la possibilità di procedere ad appalti di servizi e forniture in deroga ai tempi ed alle modalità di pubblicazione dei bandi di gara di cui agli artt. 60, 61, 72, 73 e 74, del Dlgs. n. 50/2016.

Infine, per superare le criticità dovute al crescente numero di decessi ed all’accumulo straordinario di feretri in giacenza contenenti salme di defunti positivi al “Covid-19”, con la conseguente saturazione dei cimiteri e degli impianti di cremazione, l’Ordinanza in commento ha autorizzato, in deroga alle procedure ordinarie previste dal Dpr. n. 285/1990 “Regolamento di polizia mortuaria”, la tumulazione nonché l’inumazione del feretro in apposito campo a prato verde nei cimiteri in tutti i casi in cui entro le 48 ore dal decesso non vi sia manifestazione di volontà da parte dei familiari dei defunti in ordine alla sepoltura ovvero non sia possibile dare seguito alla volontà di cremazione del defunto entro 3 giorni a causa della saturazione degli impianti di cremazione della relativa Provincia.


Related Articles

Responsabilità amministrativa: condanna di un Assessore per aver ottenuto rimborsi indebiti indicando una residenza fittizia

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 379 dell’11 marzo 2014 Oggetto Condanna di un

Rinnovo “Carta qualificazione conducente” per autisti Scuolabus: le spese sono a carico dell’Ente Locale

Nelle Delibere n. 30 e n. 31 del 3 aprile 2020 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa in

Mancato pagamento del contributo all’Anac: è motivo di esclusione dalla gara

Nella Delibera n. 39 del 15 gennaio 2020 dell’Anac, l’Autorità afferma che gli operatori economici che intendono partecipare alle procedure

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.