Provvedimento di riclassamento

Provvedimento di riclassamento

Nell’Ordinanza n. 16872 del 26 giugno 2018 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia è un provvedimento di riclassamento che fa esclusivamente riferimento al rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale nella microzona considerata. La Suprema Corte chiarisce che non può ritenersi congruamente motivato il provvedimento di riclassamento che faccia esclusivamente riferimento al rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale nella microzona considerata rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, e al relativo scostamento ed ai provvedimenti amministrativi a fondamento del riclassamento, allorché da questi ultimi non siano evincibili gli elementi (come la qualità urbana del contesto nel quale l’immobile è inserito, la qualità ambientale della zona di mercato in cui l’unità è situata, le caratteristiche edilizie del fabbricato) che, in concreto, abbiano inciso sul diverso classamento. I Giudici di legittimità pongono in evidenza che la Corte costituzionale, con la Pronuncia n. 249/17, ha fra l’altro affermato che “la natura e le modalità dell’operazione enfatizzano l’obbligo di motivazione in merito agli elementi che hanno, in concreto, interessato una determinata microzona, così incidendo sul diverso classamento della singola unità immobiliare; obbligo che, proprio in considerazione del carattere ‘diffuso’ dell’operazione, deve essere assolto in maniera rigorosa in modo tale da porre il contribuente in condizione di conoscere le concrete ragioni che giustificano il provvedimento”, ribadendo così la necessità di un provvedimento specifico e puntuale in capo all’Amministrazione.


Related Articles

L’Autorità nazionale Anticorruzione aderisce alla Piattaforma “PagoPA”

L’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac), come previsto dall’art. 5 del “Codice dell’Amministrazione digitale” e dall’art. 15, comma 5-bis, del Dl. n.

Processo tributario: motivazione della cartella di pagamento

Nell’Ordinanza n. 7245 del 14 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di

Tarsu: esercizi alberghieri distinti dalle civili abitazioni

Nella Sentenza n. 25503 del 18 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità statuiscono che è legittima

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.