Pubblico impiego: è definitivo l’Accordo-quadro nazionale sulla ridefinizione dei nuovi Comparti ed Aree di contrattazione

Pubblico impiego: è definitivo l’Accordo-quadro nazionale sulla ridefinizione dei nuovi Comparti ed Aree di contrattazione

Aran e Sindacati hanno firmato in via definitiva l’Accordo-quadro nazionale che ridefinisce i nuovi Comparti e le nuove Aree di contrattazione del Pubblico impiego, riducendoli da 11 a 4.

Come evidenziato dall’Aran con il Comunicato 13 luglio 2016, l’Accordo “consente di riaprire la stagione negoziale, dopo molti anni di blocco della contrattazione, e che cambia in profondità l’assetto del sistema contrattuale pubblico”.

L’importante processo di accorpamento (riduzione del numero dei Comparti da 11 a 4) è stato compiuto in applicazione dell’art. 40, comma 2, del Dlgs. n. 165/01.

Secondo l’Agenzia, l’effetto più immediato sarà quello di una notevole

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incompatibilità tra l’incarico di Responsabile con funzioni dirigenziali e quello di Assessore in un Comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti

Nella Delibera n. 68 del 24 gennaio 2018 dell’Anac, la questione posta all’Autorità riguarda la potenziale sussistenza di una situazione

Mutui e prestiti obbligazionari: entro il 28 febbraio 2018 i Comuni devono confermare la spesa sostenuta per l’estinzione anticipata

Dal 1° al 28 febbraio 2018 si apre la finestra entro la quale i Comuni possono inviare – a completamente

Iva: ribadito dalla Cassazione il concetto di detraibilità “prospettica” nel caso di acquisto di beni funzionali all’attività d’impresa

Corte di Cassazione – Ordinanza 16 aprile 2021, n. 10173 È legittima la detrazione dell’Iva sull’acquisto di un immobile nell’ambito