Pubblico impiego: i limiti previsti per la retribuzione accessoria non si applicano ai compensi professionali destinati agli Avvocati dell’Ente

Pubblico impiego: i limiti previsti per la retribuzione accessoria non si applicano ai compensi professionali destinati agli Avvocati dell’Ente

Nella Delibera n. 52 del 4 aprile 2017 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere al fine di accertare se la normativa vincolistica, dettata dall’art. 1, comma 236, della Legge n. 208/15, in materia di trattamento accessorio, sia applicabile anche ai fondi per l’erogazione agli Avvocati dell’Ente dei compensi professionali dovuti a seguito di Sentenza favorevole all’Ente previsti dall’art. 27 del Ccnl. del personale del Comparto Regioni ed Autonomie locali 14 settembre 2000 e dall’art. 37 del Ccnl.per la dirigenza 23 dicembre 1999.

La Sezione afferma che per i compensi professionali dei Legali interni non possono trovare applicazione i limiti previsti per la retribuzione accessoria del personale dipendente, oggi trasfusi nell’art. 1, comma 236, della Legge n. 208/15 .

 


Related Articles

Tarsu: l’autorimessa di pertinenza dell’abitazione è soggetta alla Tassa in assenza di prova contraria da parte del contribuente

Nell’Ordinanza n. 8581 del 31 marzo 2017 della Corte di Cassazione, viene impugnato un avviso di accertamento Tarsu con il

“Ddl. Stabilità 2018”: le principali misure per la P.A.

Il Consiglio dei Ministri, con il Comunicato-stampa n. 51 del 16 ottobre 2017, ha dato notizia dell’approvazione del Disegno di

“Partenariato pubblico-privato”: dal Governo Piani formativi per i Comuni

Il Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica economica (Dipe) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, presieduto dal