Pubblico impiego: la titolarità del potere disciplinare nelle P.A.

Pubblico impiego: la titolarità del potere disciplinare nelle P.A.

Come è noto, le regole del potere disciplinare nel lavoro pubblico contrattualizzato sono state profondamente modificate dal Dlgs. 27 ottobre 2009, n. 150, che ha novellato l’art. 55 del Dlgs. 30 marzo 2001, n. 165, a cui sono stati aggiunti gli articoli da 55-bis a 55-septies[1].

Per espressa volontà legislativa (art. 55), tali norme hanno forza imperativa, che mira a precludere, attraverso il meccanismo degli artt. 1339 e 1419, comma 2, del Codice civile, la possibilità di qualsiasi intervento in materia da parte della Contrattazione collettiva. Inoltre, l’art.40 del Dlgs. n. 165/01 (nella versione introdotta dall’art.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Errore professionale in un precedente contratto di appalto: non comporta per l’Impresa esclusione automatica da successive procedure

La causa di esclusione di cui all’art. 38, comma 1, lett. f), Dlgs. n. 163/06, non intende precludere la partecipazione

Antiriciclaggio: in G.U. il Regolamento per la costituzione, comunicazione, accesso e consultazione, dei dati dei “titolari effettivi”

di Federica Giglioli È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 121 del 25 maggio 2022, il Dm. interministeriale n. 55