“Pubblico Impiego”: risarcimento per l’illegittima apposizione del termine di durata al rapporto di lavoro

“Pubblico Impiego”: risarcimento per l’illegittima apposizione del termine di durata al rapporto di lavoro

Nella Sentenza n. 3429 del 28 aprile 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che le somme percepite dal pubblico dipendente a titolo di risarcimento del danno per l’illegittima apposizione del termine di durata al rapporto di lavoro non possono essere sottoposte a tassazione, tenuto conto che il danno risarcibile ai sensi dell’art. 36, comma 5, del Dlgs. n. 165/2001 non sarebbe un danno da mancata conversione del rapporto di lavoro, ma da perdita di chance. Peraltro, i Giudici aggiungono che sul piano tributario, al fine di verificare l’assoggettabilità ad imposizione fiscale delle somme dovute dall’Amministrazione datrice di lavoro in favore del proprio dipendente a titolo risarcitorio, occorre avere riguardo al fatto costitutivo dell’obbligazione risarcitoria. Nello specifico, in tema di Imposte sui redditi di lavoro dipendente, dalla lettura coordinata degli artt. 6, comma 2, e 46, del Dpr. n. 917/1986 (Tuir), si ricava che, al fine di poter negare l’assoggettabilità ad Irpef di una erogazione economica effettuata a favore del prestatore di lavoro da parte del datore di lavoro, è necessario accertare che la stessa non trovi la sua causa nel rapporto di lavoro o che tale erogazione, in base all’interpretazione della concreta volontà manifestata dalle parti, non trovi la fonte della sua obbligatorietà, nè in redditi sostituiti, nè nel risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi futuri, cioè successivi alla cessazione od all’interruzione del rapporto di lavoro. Con particolare riferimento all’indennità riconosciuta al lavoratore pubblico in caso di illecita reiterazione di contratti di lavoro a termine, si è inoltre rilevato che in materia di “Pubblico Impiego privatizzato”, il danno risarcibile ai sensi dell’art. 36, comma 5, del Dlgs. n. 165/2001 non deriva dalla mancata conversione del rapporto, legittimamente esclusa sia secondo i parametri costituzionali che per quelli europei, bensì dalla prestazione in violazione di disposizioni imperative riguardanti l’assunzione o l’impiego di lavoratori da parte della Pubblica Amministrazione, ed è configurabile come perdita di chance di un’occupazione alternativa migliore, con onere della prova a carico del lavoratore, ai sensi dell’art. 1223 del Cc.. ​​​​​​​Dunque, nel regime del “lavoro pubblico contrattualizzato”, in caso di abuso del ricorso al contratto di lavoro a tempo determinato da parte di una Pubblica Amministrazione, il dipendente che abbia subìto la illegittima precarizzazione del rapporto di impiego ha diritto, fermo restando il divieto di trasformazione del contratto a tempo determinato a tempo indeterminato posto dall’art. 36, comma 5, del Dlgs. n. 165/2001, al risarcimento del danno previsto dalla medesima disposizione, con esonero dell’onere probatorio, nella misura e nei limiti di cui all’art. 32, comma 5, della Legge n. 183/2010 (oggi art. 28, della Legge n. 81/2015) e perciò nella misura pari ad un’indennità onnicomprensiva tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 12 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto, avuto riguardo ai criteri indicati nell’art. 8, della Legge n. 604/1966. Ne deriva pertanto che, assumendo l’importo corrisposto al lavoratore, per effetto dell’abusiva reiterazione di contratti di lavoro a tempo determinato, natura risarcitoria da perdita di chance, come tale estranea ai rapporti di lavoro posti in essere nella legittima impossibilità di procedere alla loro conversione, gli importi riconosciuti dal Giudice del lavoro quale risarcimento del danno ex art. 36, comma 5, del Dlgs. n. 165/2001, non sono assoggettabili a tassazione ex art. 6, comma 1, del Dpr. n. 917/1986.


Related Articles

Fondi Ue: i primi progetti del “Piano Juncker” partono in Italia

  Con un Comunicato pubblicato sul proprio sito il 16 luglio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato

Spesa di personale:Uffici di diretta collaborazione e supporto alle strutture politiche e dei gruppi regionali

Nella Delibera della Corte dei conti Campanian. 345 del 23 novembre 2016, vengono formulati 3 quesiti: il primo, riguardante la

Pubblico impiego: nessuna deroga ai vincoli assunzionali per i dipendenti destinati all’Ufficio Anagrafe e Stato civile

Nella Delibera n. 24 del 2 febbraio 2017 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto un parere in ordine alla

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.