Rapporto Fisco-contribuenti: emanato il Decreto che disciplina l’adempimento collaborativo

Rapporto Fisco-contribuenti: emanato il Decreto che disciplina l’adempimento collaborativo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 148 del 27 giugno 2016, il Decreto Mef 15 giugno 2016 recante “Interpello per i contribuenti che aderiscono al regime dell’adempimento collaborativo di cui all’art. 6, comma 2, del Decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128”.

Il “regime di adempimento collaborativo” tra Amministrazione finanziaria e contribuenti è stato istituito dal Dlgs. n. 128/15, al fine di:

–       promuovere l’adozione di forme di comunicazione e di cooperazione rafforzate basate sul reciproco affidamento tra Amministrazione finanziaria e contribuenti;

–       favorire nel comune interesse la prevenzione e la risoluzione delle controversie in materia fiscale.

Per aderire al regime dell’adempimento collaborativo occorre che i contribuenti possiedano i requisiti indicati all’art. 4 del Dlgs. n. 128/15, e ciò comporta l’assunzione, sia in capo all’Agenzia delle Entrate che ai contribuenti, dei doveri di cui al successivo art. 5, producendo gli effetti agevolativi per i contribuenti indicati all’art. 6.

Possono aderirvi i contribuenti dotati di sistemi di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale, inteso quale rischio di operare in violazione di norme di natura fiscale o in contrasto con i principi o con le finalità dell’ordinamento tributario.

In fase di prima applicazione, il regime è riservato:

  • ai soggetti residenti e non residenti che realizzano un volume di affari o di ricavi non inferiore a 10 miliardi di Euro;
  • ai soggetti residenti e non residenti che realizzano un volume di affari o di ricavi non inferiore a 1 miliardo di Euro e che abbiano presentato istanza di adesione al “Progetto pilota sul Regime di adempimento collaborativo”;
  • le imprese che intendono dare esecuzione alla risposta dell’Agenzia delle Entrate, fornita a seguito di istanza di Interpello sui nuovi investimenti (all’art. 2 del Dlgs. 14 settembre 2015, n. 147) indipendentemente dal volume di affari o di ricavi.

Related Articles

Contratto collettivo: la scelta di un concorrente di aderirvi non può essere imposta dalla “lex specialis”

Nelle Sentenza n. 45 del 13 gennaio 2017 del Tar Lombardia, una Fondazione ha indetto una gara d’appalto per l’affidamento

Imposta di bollo: approvato il Modello di dichiarazione del versamento virtuale

Con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 14 novembre 2014, Prot. n. 2014/146313, sono state fornite istruzioni e specifiche

Aggiudicazione appalto: il ricorso al Tar relativo alla legittimità del contratto di avvalimento non deve essere notificato all’impresa ausiliaria

Quando la partecipazione in gara di un’impresa che si è avvalsa dei requisiti di un’altra impresa ai fini della qualificazione