Rapporto Fisco-contribuenti: emanato il Decreto che disciplina l’adempimento collaborativo

Rapporto Fisco-contribuenti: emanato il Decreto che disciplina l’adempimento collaborativo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 148 del 27 giugno 2016, il Decreto Mef 15 giugno 2016 recante “Interpello per i contribuenti che aderiscono al regime dell’adempimento collaborativo di cui all’art. 6, comma 2, del Decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 128”.

Il “regime di adempimento collaborativo” tra Amministrazione finanziaria e contribuenti è stato istituito dal Dlgs. n. 128/15, al fine di:

–       promuovere l’adozione di forme di comunicazione e di cooperazione rafforzate basate sul reciproco affidamento tra Amministrazione finanziaria e contribuenti;

–       favorire nel comune interesse la prevenzione e la risoluzione delle controversie in materia fiscale.

Per aderire al regime dell’adempimento collaborativo occorre che i contribuenti possiedano i requisiti indicati all’art. 4 del Dlgs. n. 128/15, e ciò comporta l’assunzione, sia in capo all’Agenzia delle Entrate che ai contribuenti, dei doveri di cui al successivo art. 5, producendo gli effetti agevolativi per i contribuenti indicati all’art. 6.

Possono aderirvi i contribuenti dotati di sistemi di rilevazione, misurazione, gestione e controllo del rischio fiscale, inteso quale rischio di operare in violazione di norme di natura fiscale o in contrasto con i principi o con le finalità dell’ordinamento tributario.

In fase di prima applicazione, il regime è riservato:

  • ai soggetti residenti e non residenti che realizzano un volume di affari o di ricavi non inferiore a 10 miliardi di Euro;
  • ai soggetti residenti e non residenti che realizzano un volume di affari o di ricavi non inferiore a 1 miliardo di Euro e che abbiano presentato istanza di adesione al “Progetto pilota sul Regime di adempimento collaborativo”;
  • le imprese che intendono dare esecuzione alla risposta dell’Agenzia delle Entrate, fornita a seguito di istanza di Interpello sui nuovi investimenti (all’art. 2 del Dlgs. 14 settembre 2015, n. 147) indipendentemente dal volume di affari o di ricavi.

Related Articles

Legittimità della gara: alcune considerazioni dell’Anac

Nella Delibera n. 1177 del 19 dicembre 2018 dell’Anac,  viene chiesto un parere sulla legittimità delle modalità adottate da una

Addizionali comunali Irpef: disponibile la bozza della Tabella

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito istituzionale la bozza della Tabella delle Addizionali comunali all’Irpef per il saldo

Verbalizzazione delle operazioni di gara: tutte le operazioni possono risultare in un unico verbale

Nella Sentenza n. 2822 dell’8 aprile 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che, in mancanza di norme contrarie,