Realizzazione sottopasso: è applicabile l’Iva agevolata?

Realizzazione sottopasso: è applicabile l’Iva agevolata?

Il testo del quesito:

Il Comune ha sottoscritto una Convenzione con Rete Ferroviaria Italiana, per la realizzazione di un sottopasso. L’Iva è al 10%, posto che si tratta di opere di urbanizzazione primaria?”.

La risposta dei ns. esperti:

Posto che si parla della realizzazione ex novo di un sottopasso, per applicare l’aliquota Iva del 10% occorre verificare se tale opera possa essere ricompresa tra quelle di urbanizzazione primaria e quindi possa essere richiamato il n. 127-quinquies), Tabella A, Parte III, allegata al Dpr. n. 633/72, il cui elenco è tassativo.

Tra queste sono ricomprese le “strade residenziali”, a cui potrebbe essere ricondotto il caso di specie.

Tra i vari Documenti di prassi sull’argomento, citiamo la Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 202/E del 2008, che definisce tali strade come “quelle realizzate in funzione di un Centro abitato, costruito o costruendo. Con Risoluzione n. 139/1994, è stato precisato che nell’espressione ‘strada realizzata in funzione di un Centro abitato’ non possono essere ricondotte né le strade statali o provinciali di grande comunicazione, né quelle interpoderali, ma solo le strade che attraversano e sono al servizio dei Centri abitati, la cui concreta individuazione rientra nella competenza dei Comuni, che, con gli strumenti urbanistici generali, ovvero con i piani particolareggiati, stabiliscono l’ubicazione degli insediamenti residenziali”.

Se il suddetto presupposto è verificato anche nel caso in esame, riteniamo applicabile l’aliquota agevolata.

di Francesco Vegni


Related Articles

Concorsi pubblici: il criterio della media dei voti prevale su quello della sommatoria dei punteggi delle prove

Nella Sentenza n. 1827 del 1° dicembre 2016 del Tar Lecce, il ricorrente ha partecipato al concorso pubblico per esami

“Rpct”: inopportuno il ruolo di componente ovvero di titolare dell’Ufficio procedimenti disciplinari di una Pubblica Amministrazione

L’Anac, con la Delibera n. 700 del 23 luglio 2019, ha fornito un approfondimento di carattere generale finalizzato ad orientare

Revisori dei conti Comuni, Città metropolitane e Province: le “Linee di indirizzo” per la relazione dei sui bilanci di previsione 2017-2019

Con la Delibera n. 14 del 23 giugno 2017 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione ha approvato le “Linee-guida”

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.