“Recovery fund”: arriva l’intesa tra Consiglio Ue e Parlamento europeo sulle risorse dello strumento comunitario per la ripresa e sul budget 2021-2027

“Recovery fund”: arriva l’intesa tra Consiglio Ue e Parlamento europeo sulle risorse dello strumento comunitario per la ripresa e sul budget 2021-2027

I negoziatori del Consiglio e del Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico sul budget Ue e sul pacchetto di rilancio economico. I principali elementi: un rafforzamento mirato dei Programmi, nel rispetto delle decisioni del Vertice europeo di luglio”. E’ quanto reso noto, a mezzo Twitter, dal Portavoce della Presidenza di turno tedesca del Consiglio Ue, Sebastian Fischer.

L’accordo politico preliminare con il Consiglio riguarda il futuro finanziamento 2021-2027 del bilancio europeo, cui è connesso “Next Generation Eu”, il Programma che include anche il celebre “Recovery Fund”.

La buona notizia è che l’accordo raggiunto lo scorso 27 luglio 2020 non sembra essere stato intaccato ma ciò non toglie che la strada per far sì che il pacchetto finanziario globale da 1.824,3 miliardi di Euro (“Quadro finanziario pluriennale” da 1.074,3 miliardi di Euro, più 750 miliardi del “Recovery Fund”) si traduca in “realtà”, è ancora lunga e irta di ostacoli. Il primo, in ordine cronologico, è il potenziale veto ungherese.

La settimana prossima, infatti, gli Stati membri saranno chiamati a votare per validare – all’unanimità – gli accordi raggiunti con l’Eurocamera e in quella sede il pacchetto di rilancio potrebbe incorrere nell’altolà di Budapest. Come evidenziato in una lettera indirizzata dal Primo Ministro ungherese, Viktor Orbàn, alla Commissione europea, non c’è infatti condivisione sul nuovo meccanismo che vincola l’erogazione dei fondi del budget al rispetto dello stato di diritto.

L’intesa raggiunta comprende, tra le altre cose, lo stanziamento di 16 miliardi di Euro aggiuntivi, da destinare a Programmi come:

  • Horizon”(Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione) a cui saranno destinati 4 miliardi di Euro extra, che portano il totale a 84,9 miliardi di Euro;
  • Invest-Eu” (Programma dell’Unione europea volto ad incrementare i finanziamenti su crescita e occupazione), cui sarà destinato 1 miliardo in più, raggiungendo così quota 9,4 miliardi;
  • Erasmus Plus”(Programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport) che passa da 21,2 miliardi di Euro a 23,4;
  • EU4Health”(Programma dell’Unione europea per la Salute) che passa da 1,7 miliardi di Euro a 5,1.

Le risorse di cui sopra derivano, in buona parte (11 miliardi di Euro su 16), dalle sanzioni inflitte dall’Antitrust Ue.


Related Articles

“Piattaforma certificazioni crediti”: il Sistema non sarà attivo da venerdì a lunedì

Con un avviso pubblicato il 20 luglio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha informato che non sarà possibile

Niente congedo parentale “Covid” per la sospensione della didattica dei figli in giornate festive

Il Dipartimento della Funzione pubblica, con il Parere Prot. Dfp-0027697-P-22/4/2021, ha fornito chiarimenti in merito alla corretta fruizione del congedo

Notifica cartella esattoriale: prova del suo perfezionamento

Nella Sentenza n. 3452 del 22 febbraio 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.