Recupero crediti: tutela della Privacy

Recupero crediti: tutela della Privacy

Nell’Ordinanza n. 34113 del 19 dicembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno chiarito che il trattamento delle informazioni personali effettuato nell’ambito dell’attività di recupero crediti è lecito purché avvenga nel rispetto del criterio di minimizzazione nell’uso dei dati personali, dovendo essere utilizzati solo i dati indispensabili, pertinenti e limitati a quanto necessario per il perseguimento delle finalità per cui sono raccolti e trattati. Tale Principio, precedentemente espresso dall’art. 3 del Dlgs. n. 196/2003, recante il titolo “Principio di necessità nel trattamento dei dati”, e dall’art. 11, lett. d), del Dlgs. n. 196/2003, richiedente la pertinenza, la completezza e non eccedenza dei dati rispetto alle finalità per cui sono raccolti e trattati (tali articoli sono stati recentemente abrogati a seguito dell’entrata in vigore del Dlgs. n. 101/2018), è stato riaffermato con l’entrata in vigore dell’art. 5, lett. c), del Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali n. 2016/679. In conclusione, la Suprema Corte sostiene che non può ritenersi che una Banca sia incorsa nella violazione della Legge sulla Privacy solo perché ha fornito ai soggetti acquirenti di un credito informazioni riguardanti la debitrice funzionali alla cessione del credito, quali la situazione debitoria, ubicazione dell’immobile vincolato alla garanzia del credito, ecc., ove non venga fornita prova che la comunicazione a terzi sia avvenuta in violazione del Principio sopra enunciato di “minimizzazione nell’uso dei dati personali”.


Related Articles

Regime fiscale Associazioni e Società sportive dilettantistiche: emanata una Circolare delle Entrate utile anche agli Enti Locali

L’Agenzia delle Entrate – Direzione centrale Coordinamento normativo, con la Circolare n. 18/E del 1° agosto 2018, ha fornito chiarimenti

Revisori dei conti: si chiude il 2 dicembre il termine per l’iscrizione nell’Elenco 2016 della Regione Sardegna

Con la Determina n. 2670 del 17 novembre 2016, è stato approvato l’avviso per l’iscrizione nell’Elenco dei Revisori legali dei

“Uniemens”: indicazioni Inps in materia di denunce dei compensi erogati tra il 1996 e il 2004

L’Inps – Direzione centrale Entrate, ha fornito indicazioni relative all’acquisizione, ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il Messaggio n. 7390

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.