Recupero somme trattamento accessorio del personale erogate illegittimamente: non c’è vincolo di destinazione

Recupero somme trattamento accessorio del personale erogate illegittimamente: non c’è vincolo di destinazione

Nella Delibera n. 249 del 19 settembre 2017 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere avente ad oggetto la disciplina delle modalità di recupero delle risorse per il trattamento accessorio del personale costituite in eccesso o erogate illegittimamente. La Sezione chiarisce che la sanzione della nullità degli emolumenti economici accessori, aventi titolo in clausole di contratti integrativi, erogati in contrasto con la legge o il Ccnl, prescritta dall’art. 40, comma 3-quinquies, del Dlgs. n. 165/01, risulta disapplicata, fino al 31 dicembre 2012, nella ricorrenza dei relativi presupposti, per i dipendenti di Regioni ed Enti Locali, dall’art. 4, comma 3, del Dl. n. 16/14, convertito dalla Legge n. 68/14.

Inoltre, secondo la Sezione, le somme recuperate a carico di un dipendente di un Ente Locale, a seguito di accertata erogazione illegittima di emolumenti economici accessori, non possono alimentare i fondi per la Contrattazione integrativa degli anni successivi, ma confluiscono, in modo indistinto e senza vincoli di destinazione, nel bilancio dell’Ente.


Related Articles

“Covid-19”: varate le nuove regole per il contenimento dell’epidemia

E’ stato pubblicato, sulla G.U. n. 309 del 30 dicembre 2021, il Dl. 30 dicembre 2021, n. 229, recante “Misure

Residenza per anziani non autosufficienti: nessuno scomputo sugli oneri di urbanizzazione in caso di ricovero gratuito per i non abbienti

Nella Delibera n. 41 dell’11 maggio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, il quesito posto riguarda la possibilità

Anac: proroga al 31 gennaio 2022 per la Relazione degli “Rpct”

Con una Comunicazione pubblicata sul sito di Anac il 29 novembre 2021, l’Autorità informa circa la proroga al 31 gennaio