Regime fiscale di Professionisti ed Imprese di piccole dimensioni: le modifiche previste nel testo della “Manovra finanziaria 2016”

Regime fiscale di Professionisti ed Imprese di piccole dimensioni: le modifiche previste nel testo della “Manovra finanziaria 2016”

L’art. 8 del “Ddl. stabilità 2016” modifica il regime fiscale agevolato per persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni, disposto dall’art. 1, commi da 54 a 89, della “Legge di stabilità 2015.

La prima modifica apportata riguarda l’abrogazione della disposizione di cui all’art. 1, comma 54, della “Legge di stabilità 2015”, che consiste nell’accesso al regime agevolato per i contribuenti che, rispetto all’anno solare precedente, avessero conseguito redditi d’impresa o di lavoro autonomo in misura prevalente rispetto a quelli eventualmente percepiti come redditi di lavoro dipendente o ad essi assimilati.

Con l’aggiunta della lett. d-bis) all’art. 1, comma 57, lett. d), della “Legge di stabilità 2015”, viene inoltre estesa ai lavoratori dipendenti e pensionati il cui reddito da lavoro dipendente o di pensione non eccede i 30.000 Euro annui la possibilità di poter usufruire del regime agevolato.

Ai novizi, compresi, per gli anni 2016, 2017, 2018 e 2019, i soggetti che nel 2015 hanno avviato una start-up, viene estesa per i primi 5 anni di attività l’applicazione dell’Imposta sostitutiva pari al 5% in sostituzione della riduzione di 1/3 del reddito imponibile nei primi 3 anni di attività.

Infine, viene sostituito l’Allegato n. 4 annesso alla “Legge di stabilità 2015” con un nuovo Allegato contenente aumenti delle soglie di reddito al di sotto delle quali è possibile al regime agevolate in questione.


Related Articles

Pensione integrativa Polizia municipale: la Sezione Autonomie illustra la corretta quantificazione delle somme accantonate a questo scopo

  Nella Delibera n. 22 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti, Sezione Autonomie, la Sezione si esprime sulla

Versamento di ritenute in appalti “labour intensive”: approvato dall’Agenzia delle Entrate lo Schema di certificazione per le Imprese

Con il Provvedimento 6 febbraio 2020, l’Agenzia delle Entrate ha approvato l’atteso Schema di certificato di sussistenza dei requisiti previsti

“Carta d’identità elettronica”: dal 2 ottobre 2017 l’avvio dell’ultima fase del piano per l’emissione in tutti i Comuni italiani

Con la Circolare n. 8/2017, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha fornito ulteriori chiarimenti in