Regolamento Ue: al via l’iniziativa del Garante privacy per le Pubbliche Amministrazioni

Regolamento Ue: al via l’iniziativa del Garante privacy per le Pubbliche Amministrazioni

A partire dal 25 maggio 2018 il Regolamento europeo sulla protezione dati, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 4 maggio 2017 e in vigore dal 24 maggio 2017,sarà definitivamente applicabile in via diretta in tutti i Paesi Ue.

In previsione di tale scadenza,il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato un percorso – fatto di incontri con Autorità indipendenti, Amministrazioni centrali ed Enti territoriali – volto a preparare la strada per l’adeguamento delle Pubbliche Amministrazioni alle nuove regole in materia di privacy.

Come si legge in una Nota pubblicata il 12 giugno 2017, “tra le priorità fissate dal Garante per l’applicazione del Regolamento, ci sono la designazione del Responsabile della protezione dei dati (Rpd), l’istituzione del Registro delle attività di trattamento, e la notifica delle violazioni dei dati personali, i cosiddetti ‘data breach’”.

L’Autorità sta collaborando attivamente, in sinergia con le altre analoghe Autorità privacy europee, alla definizione di “linee-guida” e contributi per facilitare l’applicazione del nuovo quadro regolatorio e delle importanti novità introdotte. Sul sito istituzionale sono infatti già state pubblicate le “Linee guida” sul Responsabile della protezione dati e sul diritto alla portabilità dei dati, e una Guida all’applicazione del Regolamento Ue (www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Nel corso dei prossimi mesi saranno elaborati e diffusi ulteriori atti di indirizzo.


Related Articles

Incarichi a contratto ex art. 110 Tuel: limiti e modalità di utilizzo (Parte I)

Le fonti normative La fattispecie degli incarichi dirigenziali a tempo determinato o a contratto è, specificamente per gli Enti Locali,

“Legge di stabilità 2017”: vertice Anci-Esecutivo, ecco le richieste avanzate

Autonomia agli Enti Locali e flessibilità nella gestione delle loro risorse finanziarie e del personale. Questa la direzione tracciata dalla

Offerta condizionata: non è suscettibile di valutazione in quanto non idonea a manifestare volontà certa dell’Impresa di partecipare alla gara

Nella Sentenza n. 1017 del 6 maggio 2019 del Tar Lombardia, i Giudici rilevano che l’offerta condizionata è un’offerta non