Rendiconti 2019 e bilanci di previsione 2020-2022: diffuse le Linee-guida della Corte dei conti

Rendiconti 2019 e bilanci di previsione 2020-2022: diffuse le Linee-guida della Corte dei conti

Con il Comunicato-stampa n. 31 del 1° giugno 2020, la Corte dei conti rende noto che la Sezione delle Autonomie ha approvato, con le Delibere n. 8/2020 e 9/2020, le Linee-guida per le relazioni dei Collegi dei Revisori dei conti degli Enti Locali sui rendiconti per l’anno 2019 e sui bilanci di previsione per gli esercizi 2020-2022, compreso i relativi Questionari. Le indicazioni per le verifiche sul rendiconto 2019 riguardano il momento conclusivo delle analisi condotte sul ciclo di bilancio, al fine di stabilirne il grado di affidabilità e di valutarne la capacità di prevenire fenomeni di squilibrio; inoltre, rappresentano il punto di partenza per la ricostruzione del quadro economico-finanziario di riferimento, entro cui vanno a disporsi i Provvedimenti adottati nell’attuale fase emergenziale. Tra i profili sui quali si è centrata l’attenzione si segnalano, nello specifico, le analisi sul risultato d’amministrazione, lo stato dell’indebitamento e gli equilibri di cassa, inscindibilmente collegati al mantenimento di quelli finanziari complessivi, mentre sono previsti focus specifici su modalità di ripiano delle varie componenti del disavanzo, somme incamerate e utilizzate a titolo di anticipazioni di liquidità, corretta costruzione del Fondo pluriennale vincolato e adeguatezza degli accantonamenti al Fondo crediti di dubbia esigibilità. In disparte l’analisi di alcuni aspetti della gestione delle Province e degli Enti colpiti da eventi sismici. A simile finalità sono ispirate le “Linee-guida sui bilanci di previsione degli Enti Locali, per gli esercizi 2020-2022” che possono rappresentare un ausilio, per gli Enti, nella predisposizione dello strumento programmatorio, ovvero nella gestione dei bilanci già adottati, tenendo conto dell’esigenza di contemperare gli effetti indotti dalla fase emergenziale (in termini di minori entrate e maggiori spese) con gli obiettivi di stabilità finanziaria. In questa prospettiva, pur a fronte di un assetto normativo in corso di definizione, la Sezione delle Autonomie ha ritenuto di non differirne l’adozione. In continuità col passato, è stato mantenuto l’impegno a ridurre al minimo gli oneri informativi di dati contabili, attraverso l’utilizzo, ormai consolidato, delle banche dati pubbliche.


Related Articles

Lotta agli sprechi alimentari: siglato un Protocollo d’intesa tra Anci e Ministero dell’Ambiente

Con una Nota pubblicata il 12 ottobre 2017 sul proprio sito istituzionale, l’Anci ha annunciato l’avvenuta sottoscrizione di un Protocollo

Sisma Centro Italia: disciplinato l’uso del “partenariato pubblico-privato” nella ricostruzione degli edifici pubblici nei Comuni coinvolti

È stata pubblicata sulla G.U. n. 19 del 24 gennaio 2018 l’Ordinanza 10 gennaio 2018, n. 47, del Commissario straordinario

Imposta di bollo nei contratti d’appalto: l’Agenzia delle Entrate conferma l’assoggettamento su Allegati, Offerte e Istanze

Con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 35 del 12 ottobre 2018, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.