Rendiconto 2013: per gli Enti sperimentatori facoltativa la compilazione di alcuni quadri del Modello

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito, con il Comunicato 13 giugno 2014 pubblicato sul proprio sito web, dei chiarimenti relativi alla compilazione del certificato di rendiconto al bilancio 2013 per gli Enti che partecipano alla sperimentazione di cui all’art. 36 del Dlgs. n. 118/11.
Con il Documento citato si fa presente che, per gli Enti coinvolti nella sperimentazione, è facoltativa la compilazione dei Quadri “8-ter”, “8-quater” e “8-quinquies” del Modello tradizionale di certificato di rendiconto al bilancio 2013, dedicati, rispettivamente, a conto del patrimonio attivo, conto del patrimonio passivo e conto economico.
La Direzione centrale ha ricordato, a seguito di quanto stabilito dal Gruppo di lavoro istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e incaricato di seguire la sperimentazione dell’armonizzazione dei sistemi contabili, per gli stessi Enti “sperimentatori” è facoltativa anche la compilazione, per il 2013, dei Modelli nn. “17”, “18” e “20” di cui al Dpr. n. 194/96, relativi rispettivamente:
al conto economico delle Province, dei Comuni, delle Comunità montane, delle Unioni di Comuni e delle Città metropolitane (Modello n. “17”);
al prospetto di conciliazione tra conto economico, conto del bilancio e conto del patrimonio per Province, Comuni, Unioni di Comuni e Città metropolitane (Modello n. “18”);
al conto del patrimonio delle Province, dei Comuni, delle Comunità montane, delle Unioni di Comuni e delle Città metropolitane (Modello n. “20”).


Tags assigned to this article:
armonizzazionerendiconto

Related Articles

Immobile comunale: condizioni per l’affidamento in comodato d’uso gratuito a una Onlus

Nella Delibera n. 1 del 15 gennaio 2015 della Corte dei conti Molise, un Sindaco chiede di conoscere se sia

Riforma della contabilità: il punto della Ragioneria generale dello Stato sulle nuove regole della finanza pubblica (“pareggio di bilancio”)

Il Ministero dell’Economia e delle Finanza – Ragioneria generale dello Stato, ha pubblicato in data 19 febbraio 2016 sul proprio

Proventi sanzioni “Codice della Strada”: nessuna flessibilità sulle quote da destinare ai diversi scopi consentiti dalla legge

Nella Delibera n. 254 del 6 aprile 2016 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco ha formulato un quesito in

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.