Rendiconto 2019: la nuova Faq di Arconet chiarisce un dubbio diffuso sull’Allegato “a/3”

Rendiconto 2019: la nuova Faq di Arconet chiarisce un dubbio diffuso sull’Allegato “a/3”

La Faq n. 39, pubblicata sul sito internet istituzionale della RgS-Arconet il 24 aprile 2020, prende spunto dalla problematica, già sollevata nelle scorse settimane da molti Responsabili dei Servizi “Finanziari” degli Enti Locali, sulla modalità di indicazione nell’Allegato a/3 (“Elenco analitico delle risorse destinate agli investimenti nel risultato di amministrazione” – allegato obbligatorio al rendiconto della gestione previsto dal Dm. Mef 1° agosto 2019) della cancellazione di impegni 2019, al Titolo 2, effettuata dopo l’approvazione del rendiconto 2018 e non reimpegnati al termine dell’esercizio 2019, finanziati da “Fpv” derivante da entrate destinate agli investimenti.

I suddetti minori impegni contribuiscono positivamente alla determinazione del risultato di amministrazione destinato agli investimenti (economie di spesa in conto capitale), ma nell’Allegato “a/3” non è chiaro come possano essere indicati.

Infatti, come anche indicato nella Faq, nello Schema di rendiconto di gestione per il 2019, a differenza di quanto previsto nel Prospetto “a/2” – colonna “g” relativo all’Elenco analitico delle risorse vincolate nel risultato di amministrazione, nel Prospetto “a/3”, afferente l’Elenco analitico delle risorse destinate agli investimenti nel risultato di amministrazione, non è stata prevista una colonna dedicata alla cancellazione nell’esercizio di impegni finanziati da “Fpv” in conto capitale.

La Faq Arconet richiama preliminarmente il Principio contabile applicato concernente la programmazione e in particolare il punto 13.7.3, con il quale si disciplina appunto la modalità di redazione dell’Allegato “a/3” riferito all’Elenco analitico delle risorse destinate agli investimenti nel risultato di amministrazione indicano con riferimento alle colonne del Prospetto “a/3”:“

  • lett. c) – ‘Impegni esercizio N finanziati da entrate destinate accertate nell’esercizio o da quote destinate del risultato di amministrazione’: deve essere indicato l’importo degli impegni imputati all’esercizio cui il rendiconto si riferisce finanziati da entrate destinate agli investimenti accertate nell’esercizio o da quote del risultato di amministrazione destinate agli investimenti. La voce non comprende gli impegni finanziati dal fondo pluriennale vincolato iscritto in entrata, da entrate accertate libere e dall’avanzo libero;
  • lett. d) – ‘Fpv al 31/12/N finanziato da entrate destinate accertate nell’esercizio o da quote destinate del risultato di amministrazione”: deve essere indicato l’ammontare complessivo degli stanziamenti definitivi riguardanti il ‘Fpv’ di spesa finanziati da entrate destinate agli investimenti accertate nell’esercizio e dalla quota del risultato di amministrazione destinata agli investimenti. La voce non comprende le quote del ‘Fpv’ di spesa finanziate dal ‘Fpv’, da entrate accertate libere e dall’avanzo libero; …”.

Viene precisato che nella colonna “c” – lett. c) di cui sopra – dell’Allegato “a/3”, non devono essere rappresentati gli impegni finanziati da “Fpv” iscritto in entrata, da entrate accertate libere e da avanzo libero, mentre nella colonna “d” non devono essere indicate le quote del “Fpv” di spesa finanziate da “Fpv”, da entrate accertate libere e dall’avanzo libero.

Le eventuali cancellazioni di impegni nell’esercizio di riferimento del rendiconto finanziati dal “Fpv” finanziato da entrate destinate agli investimenti dopo l’approvazione del rendiconto dell’esercizio precedente non reimpegnati nell’esercizio oggetto di rendiconto, devono essere rappresentati nella colonna “c” dell’Allegato “a/3”, che quindi dovrà risultare ridotta di pari importo determinando un pari incremento delle risorse destinate agli investimenti al 31 dicembre dell’esercizio di cui al rendiconto di gestione.

Non devono essere indicate le cancellazioni degli impegni effettuate prima dell’approvazione del rendiconto dell’esercizio precedente.

Quindi, mancando una colonna specifica nell’Allegato “a/3” in cui indicare con segno positivo le suddette economie affinché possa essere determinato correttamente, come specificazione del risultato di amministrazione, il totale delle risorse da destinate ad investimenti al termine del 2019, all’importo da inserire nella colonna “c” devono appunto essere sottratte le suddette cancellazioni di impegni 2019.

Viene in ultimo precisato che, al fine di garantire la coerenza dei dati nello schema di rendiconto e la continuità tra esercizi, in base al Principio contabile applicato sopra richiamato, occorre che la colonna “a” sempre del Prospetto “a/3” dovrà essere uguale all’ammontare della medesima entrata destinata agli investimenti della lett. “f” dell’Allegato “a/3” del rendiconto del precedente esercizio.


Related Articles

Ici: l’Imposta è dimezzata se per l’intero anno l’immobile è inagibile, inabitabile o inutilizzato per mancanza di funzionalità

Nella Sentenza n. 13059 del 24 maggio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in materia

Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

  Con la Risoluzione n. 66/E del 21 luglio 2015, l’Agenzia delle Entrate estende alla modalità di versamento “F24 Enti

Appalti pubblici: il quadro delle novità introdotte dalla “Legge di stabilità 2016”

La Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”), è intervenuta con importanti modifiche anche nel sistema normativo degli appalti pubblici.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.