Responsabile tecnico di Settore per le Imprese di “Igiene ambientale e gestione dei rifiuti”: equiparabile al Direttore tecnico nelle Imprese operanti nel Settore dei “Lavori pubblici”

Responsabile tecnico di Settore per le Imprese di “Igiene ambientale e  gestione dei rifiuti”: equiparabile al Direttore tecnico nelle Imprese operanti nel Settore dei “Lavori pubblici”

Nella Sentenza n. 4704 del 13 ottobre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che, per le Imprese operanti nell’ambito del Settore “Igiene ambientale e gestione dei rifiuti”, la figura del Responsabile tecnico di Settore è equiparabile a quella del Direttore tecnico nelle Imprese operanti nel Settore “Lavori pubblici”, ciò in quanto investita, con riguardo al complesso dei servizi da affidare, dei medesimi adempimenti di carattere tecnico-organizzativo necessari per l’esecuzione dei lavori. Pertanto, per tali Imprese, l’obbligo dichiarativo previsto, in via generale, per il Direttore tecnico, è riferibile alla menzionata figura, e ciò a prescindere

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Migliore modalità di gestione del servizio pubblico con la relazione che giustifica la forma dell’affidamento

Nella Sentenza n. 2275 dell’8 aprile 2019 del Consiglio di Stato, la questione controversa in esame riguarda la valenza sostanziale

Cottimo fiduciario: i criteri per l’affidamento dei servizi devono essere preventivamente specificati

Nel Parere n. 9 del 4 febbraio 2015, l’Anac afferma che qualunque sia la procedura di gara prescelta dalla stazione

“Servizi Demografici”: il calendario per l’avvio dell’Anpr

Con il Dpcm. n. 194 del 10 novembre 2014, pubblicato sulla G.U. n. 5 dell’8 gennaio 2015, è stato adottato