Responsabilità amministrativa: condanna Dirigente comunale per assunzione ingiustificata di interinali

Responsabilità amministrativa: condanna Dirigente comunale per assunzione ingiustificata di interinali

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 226 del 13 marzo 2015

 

Oggetto

Condanna del Responsabile del Servizio “Lavori pubblici” di un Comune per aver fatto ricorso a prestazioni di lavoro interinale: conferma con riduzione della Sentenza territoriale per il Lazio n. 466/2013.

Premessa

Nel 2006, il Comune affida per 2 anni ad una Società il “Servizio di somministrazione di personale interinale” per “sopperire ad oggettive esigenze temporanee ed eccezionali di carattere tecnico, produttivo ed organizzativo”, così come previsto dall’art. 20 del Dlgs. n. 276/03. Il Responsabile del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Spesometro 2017”: posticipato al 28 settembre il termine per la Comunicazione delle fatture emesse e ricevute

Con il Comunicato-stampa n. 147 del 1° settembre 2017, il Mef anticipa la terza proroga dello “Spesometro 2017” relativo al

Consorzi: Anac si esprime sulla inconferibilità al Sindaco della carica di Presidente

Con la Delibera n. 453/18 l’Anac, nell’esercizio dei propri poteri ispettivi e di accertamento ex art. 16 del Dlgs. n.

Obbligo a carico delle Province e Comuni di redigere una relazione di fine mandato

Nella Delibera n. 196 del 24 novembre 2015 della Corte dei conti Molise, il parere richiesto riguarda la corretta interpretazione