Responsabilità amministrativa: condanna Dirigente comunale per assunzione ingiustificata di interinali

Responsabilità amministrativa: condanna Dirigente comunale per assunzione ingiustificata di interinali

Corte dei conti – Sezione prima giurisdizionale centrale d’Appello – Sentenza n. 226 del 13 marzo 2015

 

Oggetto

Condanna del Responsabile del Servizio “Lavori pubblici” di un Comune per aver fatto ricorso a prestazioni di lavoro interinale: conferma con riduzione della Sentenza territoriale per il Lazio n. 466/2013.

Premessa

Nel 2006, il Comune affida per 2 anni ad una Società il “Servizio di somministrazione di personale interinale” per “sopperire ad oggettive esigenze temporanee ed eccezionali di carattere tecnico, produttivo ed organizzativo”, così come previsto dall’art. 20 del Dlgs. n. 276/03. Il Responsabile del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Spesa di personale: quali sono i parametri che devono essere certificati dai Revisori?

Il testo del quesito: “In relazione al nuovo adempimento previsto per i Revisori degli Enti Locali dall’art. 3, comma 10-bis,

Armonizzazione: quando deve effettuarsi la verifica dello stato di attuazione dei programmi?

Sul Portale Arconet della Ragioneria generale dello Stato è stata pubblicata la Faq n. 7 con riferimento ai tempi e

Risparmi derivanti da piani di razionalizzazione: possono essere utilizzati per riassorbire somme indebitamente erogate a dipendenti

Nella Delibera n. 289 del 12 giugno 2015 della Corte dei conti Veneto, un Sindaco chiede se, rispetto ai risparmi